Quantcast
Porta Paita, un milione in più per i lavori. L'Autorità di sistema portuale ha lanciato la nuova gara - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Apertura dell'area possibile già in estate

Porta Paita, un milione in più per i lavori. L’Autorità di sistema portuale ha lanciato la nuova gara

Riprende il cammino per la restituzione del primo tratto di Calata Paita alla città. Preso atto dell’assenza di partecipanti alla prima gara dovuta all’aumento incontrollato del costo delle materie prime, l’Autorità di sistema portuale ha infatti rilanciato nei giorni scorsi il bando di gara per l’allestimento temporaneo dello spazio pubblico di Porta Paita aumentando in maniera consistente le risorse a disposizione. Dai circa 2,5 milioni che erano stati posti a base della prima gara come importo massimo dei lavori si è infatti passati a 3 milioni e 457mila euro: un aumento di circa un milione, nell’ordine del 40 per cento rispetto alla cifra di partenza, che mira a compensare il rally dei prezzi riconducibile alla crisi energetica e alla situazione internazionale e a rendere maggiormente appetibile l’appalto.
Il termine per la presentazione delle domande di partecipazione è stato fissato alle 12 del 13 giugno e nel bando è indicata una durata presunta dei lavori pari a quattro mesi. Ma gli spezzini non dovranno per forza attendere sino al prossimo inverno per potersi finalmente affacciare sul primo bacino.
“Cercheremo di dividere la durata dei lavori in due tranche – spiega a CDS il presidente dell’Autorità di sistema portuale, Mario Sommariva – così da consentire l’accesso all’area quando sarà ancora possibile godere della bella stagione. Gli interventi legati maggiormente all’allestimento della parte commerciale potrebbero avvenire in un secondo momento”.

Mario Sommariva

Il ritardo rispetto alle promesse del passato resta monstre, visto che la retrocessione di Calata Paita alla città avrebbe dovuto avvenire entro il 31 dicembre 2009, ma poche settimane possono essere comunque un guadagno, anche dopo 13 anni di attesa. Senza dimenticare, però, che da 9 anni Lsct ha rinunciato a metà del Molo Garibaldi per consentire gli attracchi delle navi da crociera. Una compensazione di fatto equa sotto il profilo portuale e logistico, ma non a vantaggio della fruizione da parte dei cittadini.

Se alcuni ritengono l’autunno è un periodo durante il quale raramente ci sono le condizioni per godersi le attività all’aria aperta, vero e proprio fulcro della proposta dei 5mila metri quadrati di Porta Paita, il presidente Sommariva è più ottimista sulle opportunità di fruizione dell’area: “Faremo una gara per l’assegnazione degli spazi e se ci sarà qualche attività che vorrà proporsi alla città e ai turisti già prima della fine dell’anno noi non potremo che esserne contenti. Vedremo quali saranno le risposte”.
Quel che è certo è che per l’inizio della prossima stagione estiva l’area e le attività che avranno scommesso su Porta Paita saranno rodate e pronte ad accogliere spezzini e turisti.

Ma prima sarà necessario concretizzare il progetto elaborato dallo studio Fabrica attraverso la gara a procedura aperta che verrà assegnata secondo il criterio del prezzo più basso.
L’intervento richiesto consiste nell’allestimento dell’area “mediante realizzazione di pavimentazioni in legno e in conglomerato bituminoso colorato, di un’area verde attrezzata e di una zona dedicata a sport e tempo libero, nonché attraverso la realizzazione e la posa in opera di strutture modulari prefabbricate in calcestruzzo armato destinate ad ospitare attività commerciali”.

Calata Paita, il primo
leggi anche
Calata Paita, il primo "spicchio" torna alla città
Il bando è andato deserto
Calata Paita, il progetto slitta all’autunno. Gli avversari: “Ennesimo annuncio con flop di Peracchini”
Lavori finiti su Largo Fiorillo
Il taglio del nastro
Largo Fiorillo è finito, ma ci sono ritardi per il village su Calata Paita
La firma di Sommariva
Nodi di rete
La Spezia e Parma firmano il patto per l’intermodalità
Calata Paita, il primo "spicchio" torna alla città
Oltre 3,5 milioni di lavori
Porta Paita, anche questa volta nessuno si presenta alla gara. L’Adsp va verso la procedura negoziata