Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Made in la spezia trapiantato a pisa

Una nuova stella nel mercato dei mega yacht: Siman ha varato Miss Candy, 45 metri di qualità artigianale ed esperienza

L'azienda spezzina, attiva da oltre trent'anni nella cantieristica navale e nelle manutenzioni, ha fatto il primo passo nel settore della nautica e ha già altre quattro commesse firmate. Ma non si ferma qui.

Si chiama Miss Candy il primo mega yacht realizzato e varato da Siman, il cantiere spezzino attivo da 35 anni nel comparto navale. Caratterizzato da una prua rovesciata e un lay out in stile explorer, con uno scafo in acciaio lungo 45,5 metri e largo 9,20 e una stazza di 390 tonnellate, Miss Candy sarà solamente il primo di una lunga serie di mega yacht a marchio Siman, realtà in forte espansione sotto il profilo delle linee di produzione, ma anche del personale e delle aree produttive.

A illustrare il futuro prossimo del cantiere spezzino, con sede in Via del Molo, è il general manager Gianfranco Giannotti: “Dopo il varo della prima unità avvenuto ieri presso la Darsena Pisana, ci concentreremo su altre due già in costruzione, simili per dimensioni e stazza, sempre < 500 gt. La consegna di questi secondi mega yacht è prevista per il 2023, ma abbiamo già ordini per due 43 metri da consegnare nel 2024 e un 50 metri, da completare nello stesso anno. Il portafoglio ordini della sezione motoryacht è decisamente corposo e sono in corso contatti con molti armatori e broker che hanno dimostrato grande interesse per la qualità delle nostre realizzazioni.”
Siman, dopo aver maturato esperienza ultradecennale nella realizzazione di scafi di mega yacht, ha dunque scelto di affacciarsi nel mondo della nautica e ha subito colto nel segno, proponendo qualità artigianale nella realizzazione del body e negli allestimenti degli interni, per i quali sono state scelti le firme più prestigiose e i fornitori di maggiore eccellenza. A questa filosofia costruttiva si affianca oggi un indispensabile investimento in termini di management e di marketing.

Il varo Miss Candy, primo mega yacht di Siman

 

Il production manager è Fabio Bianchi, nome ben noto nel settore, che ha guidato la squadra sino al successo finale, culminato con il varo tecnico del primo mega yacht made in Siman.
“Dai disegni siamo passati ai progetti e alla costruzione. Ma ci sono punti oscuri che non si riescono sempre a sviluppare durante la progettazione e si devono affrontare nell’ambito della produzione. E’ fondamentale avere in azienda persone di esperienza che hanno realizzato molte costruzioni navali. E in Siman tutto questo è presente, grazie a tanti anni di lavoro alle spalle. Per passare a realizzare yacht abbiamo creato un team di lavoro ad hoc, indispensabile per affrontare questa sfida. Essendo stata la prima unità, Miss Candy ha richiesto un notevole sforzo, ma oggi la soddisfazione è tanta e a seguito di questo successo stiamo riscontrando molto interesse da parte di broker e armatori, anche perché questo è un prodotto custom made da cima a fondo, e quindi possiamo garantire tempistiche più brevi”.

Parte della squadra anche la chief financial officer Marusca Paita: “Con impegno e serietà abbiamo lavorato per consolidare la nostra posizione strategica nel mercato, negli ultimi 20 anni. Da quando sono arrivata in Siman, l’azienda ha sempre chiuso in utile e non ha mai licenziato personale. Nonostante gli ultimi due anni di pandemia siano stati difficili da gestire abbiamo mantenuto un fatturato di tutto rispetto. La proiezione del nostro business plan è di arrivare con crescita costante ad avere nel 2025 un fatturato annuo di oltre 100 milioni di euro per anno”.
“La proprietà – prosegue Paita – ha sempre avuto grande attenzione agli investimenti quale volano di crescita e, da sempre, gli utili sono stati mantenuti in azienda al fine di farla crescere e diventare quello che è oggi. Le aree di lavoro sono state una priorità, prima con l’acquisizione del complesso della nostra sede principale in Via del Molo e in seguito alla ricerca di spazi con sbocco sul mare che ha portato all’acquisizione dei due cantieri in Darsena Pisana per la costruzione di yacht e per il refitting. Nel 2022 e 2023 sono previsti nuovi investimenti anche in macchinari di concezione 4.0 e che saranno di supporto alla nostra crescita così come sono previsti lavori di costruzione di nuovi capannoni a Pisa”.

Il varo di Miss Candy, primo mega yacht di Siman

 

La ricerca delle aree ha infatti portato Siman, azienda in cui spesso le maestranze si tramandano know how e passione di padre in figlio, a trovare spazi al di fuori del territorio spezzino.
“La problematica nel nostro territorio – spiega il company asset manager Nicola Battistini – è quello di trovare aree con accesso a mare. Abbiamo dovuto necessariamente spostarci su Pisa. Alla Spezia abbiamo concentrato gli investimenti in migliorie tecniche e macchinari e nel mentre abbiamo acquistato il cantiere di Pisa Porta a Mare e il cantiere Pisa Superyacht. Nel primo caso dove abbiamo 6mila metri quadrati di fabbricati e altri 2.500 da realizzare, oltre alla sistemazione del piazzale, in modo da consentirci di varare più facilmente. Nel secondo abbiamo un progetto di ampliamento della darsena e di adeguamento dei capannoni e nuove costruzioni per 4.500 metri quadrati”.

Al varo tecnico di ieri mattina hanno partecipato con grande soddisfazione ed entusiasmo anche la proprietà, un rappresentante dell’armatore e una parte delle maestranze. Una volta in mare Miss Candy è stata trainata verso La Spezia dove saranno apportati gli ultimi ritocchi e le ultime verifiche prima della consegna al comandante e all’equipaggio in vista dell’imbarco dell’armatore e dell’avvio della stagione estiva.
Con lo sguardo verso il domani, già pieno di nuove unità da realizzare, Giannotti annuncia che “Siman sarà presente ai più importanti saloni per questa tipologia di imbarcazioni, come Cannes e Montecarlo. Il volume d’affari e il portafoglio ordini tra hard backlog e medium backlog portano a una somma di 150 milioni di euro tra la fine del 2023 e l’inizio del 2024, ma non possiamo certo fermarci ora”.
La proprietà ha creduto molto e ha dato ampio spazio di manovra al management e con questo primo importante passo nel mercato della nautica i risultati di tanto lavoro e tanta passione cominciano a vedersi.

Il varo di Miss Candy, primo mega yacht di Siman