Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Dopo partita

Ferrer e il sapore dell’impresa: “Serve un po’ di calma per realizzare quello che abbiamo fatto”

Lo Spezia è salvo!

Entrare a freddo non è mai semplice, anche quando sei un veterano e ne hai viste tante. Ma Salva Ferrer è ancora un giovanotto, un giovanotto che è riuscito a crescere ancora, nonostante un’annata non da titolare e un impiego in diversi ruoli. Il ragazzo della Catalogna si prende la scena confezionando due assist in 15’ e sublimando la sua grandissima prestazione: “E’ un momento di emozioni incredibili. Quando l’arbitro ha fischiato la fine, l’adrenalina era incredibile. Forse nemmeno ora mi rendo conto di quello che abbiamo fatto. Non sembra vero, serve un po’ di calma per capirlo”, ha detto a caldo ai microfoni di Dazn.

Se lo scorso era l’anno dell’esordio, questa è stata un’annata iniziata con una serie di problemi senza fine. A cominciare dal ritiro: “Di certo e’ stata dura all’inizio quando abbiamo avuto tanti casi di Covid e poi il momento con tanti infortuni che hanno costretto tanti a scendere in campo in altri ruoli. Ma siamo stati bravi a tenere botta, rimanendo vivi”.

Più informazioni
leggi anche
Emmanuel Gyasi
Dodici anni nelle giovanili
Le lacrime di Bertola: “Questa maglia fa parte di me, le mie lacrime sono date anche da questo”
La festa al Ferdeghini
Cronache di una festa
Recidività emozionale, la città che era rimasta a casa invade il Ferdeghini. A Spezia notte di felicità
Philip Platek e Salva Ferrer (foto Spezia Calcio)
A udine doppio assist
Salva Ferrer rinnova: “Non vedo l’ora di continuare a vivere tante incredibili stagioni”