Quantcast
Una storia che si rinnova

Per Gianni D’Amato e la “Miranda” esordio da tre cappelli sulla Guida dell’Espresso

In meno di un anno lo chef ha saputo conquistare l'importante riconoscimento portando il ristorante di Tellaro fra i primi cinque in Liguria. Nella nostra provincia altri quattro locali con almeno un cappello mentre da pochi giorni Mauro Ricciardi è tornato in cucina ad Ameglia.

Fulvia Salvarani, Gianni e Federico D'Amato

Esordio con tre cappelli sulla prestigiosa Guida dei ristoranti e dei vini dell’Epresso per lo chef Gianni D’Amato che, meno di un anno fa, aveva riacceso la storica insegna della “Miranda” a Tellaro. Un risultato eccezionale che pone il locale fra i migliori cinque della Liguria, ridando lustro anche alla nostra provincia che, nell’edizione appena presentata, vanta due cappelli con “Aqua” a Luni e “Osteria della Corte” alla Spezia e uno con “Fuori Rotta” a Riomaggiore e “L’agave” a Framura. Confermato lo stesso risultato per la “Locanda de Banchieri”, fuori regione a Fosdinovo ma comunque affacciata sulla Val di Magra. Qui, da pochi giorni, è tornato in cucina anche Mauro Ricciardi, ripartito da una rinnovata “Locanda Tamerici” ad Ameglia e pronto per deliziare di nuovo i suoi affezionatissimi clienti e riprendere posto sulle guide.
Il risultato più importante però è senza dubbio quello che riguarda Gianni D’Amato il quale, con il figlio Federico e la moglie Fulvia Salvarani, ha subito rimesso la locanda di Tellaro resa celebre da Angelo Cabani al primo posto dell’agenda dei golosi e degli appassionati di alta cucina. Una storia quella dello chef che era partita nel 1987 dal “Rigoletto”, prima ad Aulla e poi a Reggiolo da fine anni Novanta. Un’esperienza premiata anche con due stelle Michelin prima dell’approdo a Reggio Emilia al “Caffè Arti e Mestieri” e al ritorno a casa, questa volta a pochi passi dal mare. Qui sperimentazione e tradizione sono sempre in perfetto equilibrio, mentre la passione per l’ospitalità, la cucina e la cura dei dettagli continuano ad essere un marchio di famiglia come confermato dal riconoscimento della Guida.

leggi anche
La ristoratrice Silvia Cardelli dell'Osteria della corte
Una conferma
Due cappelli dall’Espresso all’Osteria della Corte: “Piatti seducenti, una garanzia”
Fuori Rotta a Riomaggiore
La soddisfazione della sindaca pecunia
Riomaggiore piazza due ristoranti nella prestigiosa guida dell’Espresso