Quantcast
San Francesco Grande, tredici nomi della cultura lanciano un appello ai ministri Guerini e Franceschini - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Testimonianza del '400 spezzino

San Francesco Grande, tredici nomi della cultura lanciano un appello ai ministri Guerini e Franceschini

L’appello per il recupero del complesso di San Francesco Grande all’interno dell’arsenale spezzino calamita l’attenzione del mondo accademico e associativo e  travalica i confini provinciali. L’idea, rilanciata con forza dallo storico dell’arte Piero Donati su CDS (leggi qui), ha infatti ricevuto il sostegno di nomi illustri del mondo dell’arte, dell’architettura ai quali si affiancano le firme di un consigliere regionale e dei rappresentanti delle associazioni del territorio, e si appresta a interessare i ministeri della Difesa e della Cultura.

Con una lettera indirizzata a Lorenzo Guerini e Dario Franceschini, Donati e altri dodici, tra i quali spicca lo storico dell’architettura Giorgio Rossini, già Soprintendente di Venezia e poi della Liguria, chiedono ai ministeri di adoperarsi per rimuovere gli ostacoli che potrebbero vanificare qualunque onorevole intento.

“La città della Spezia, le cui sorti sono state legate, a partire dal 1861, alla Base Navale ed al suo Arsenale, sta faticosamente cercando un diverso modello occupazionale, nel quale abbiano peso crescente la ricerca e il turismo sostenibile.

In quest’ottica – si legge nell’appello indirizzato ai due ministri – riteniamo necessaria la restituzione alla cittadinanza di aree e di edifici di notevole interesse storico-artistico posti nelle immediate vicinanze del recinto arsenalizio, quali il sito della demolita chiesa di San Maurizio di Marola e il complesso conventuale di San Francesco, risalente al secolo XV. Quest’ultimo, la cui importanza nell’ambito dei Minori Osservanti è rivelata anche dall’appellativo – Grande – col quale era designato, potrebbe ospitare attività convegnistiche e/o formative, in relazione al trasferimento dell’Università presso l’ex-Ospedale Militare o alla riqualificazione del Laboratorio di Restauro della Regione Liguria.

I sottoscritti rivolgono pertanto un appello ai Ministeri competenti affinché ci si adoperi per rimuovere celermente gli ostacoli che potrebbero frapporsi alla destinazione di questi preziosi beni ad usi assai più produttivi per la collettività di quelli attuali”.

Mara Borzone, storica dell’arte

Giacomo Casabianca, studente universitario

Roberto Centi, consigliere Regione Liguria

Fulvio Cervini, ordinario di storia dell’arte medievale (Firenze)

Clario Di Fabio, ordinario di storia dell’arte medievale (Genova)

William Domenichini, coordinatore redazionale di Informazione Sostenibile

Piero Donati, storico dell’arte

Giorgio Pagano, presidente dell’Associazione Culturale Mediterraneo

Lorenzo Pavoni, presidente dell’Associazione Murati Vivi, Marola

Lorenzo Principi, storico dell’arte (Napoli, Orientale)

Davide Pugnana, scrittore e critico d’arte

Giorgio Rossini, storico dell’architettura

Eliana M. Vecchi, storica medievista

leggi anche
Chiesa di San Francesco il Grande
L'arsenale e la città
Storia e cultura appena al di là del muro. Donati: “Recuperiamo San Francesco Grande e avviamo uno scavo a Porta Marola”
San Francesco Grande
Il dibattito
Murati vivi: “Riappropriamoci dei tesori culturali sepolti in arsenale”
San Francesco Grande
Attualità
Eccezionale apertura di San Francesco Grande, la chiesa inglobata nell’Arsenale
Uno dei chiostri del convento di San Francesco Grande
Un saggio di storia dell'architettura su cds
San Francesco Grande raccoglie altri sostenitori. La storia del complesso raccontata dall’ex soprintendente Rossini
Uno dei chiostri del convento di San Francesco Grande
Firme illustri
Anche Tomaso Montanari aderisce all’appello per il recupero del complesso di San Francesco Grande