Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
"vuole contrastare due comunità"

Opposizione in Provincia: “Peracchini ritiri ricorso su biodigestore e risparmi 20mila euro”

Un render del biodigestore a Saliceti

“Dopo aver dato la delega ad Iren per partecipare ai bandi per la realizzazione dell’impianto di biodigestore a Saliceti, Peracchini, chiamato all’ordine dal suo capo politico Toti, si costituisce nel ricorso presso il Consiglio di Stato contro la vittoria dei due Comuni (Vezzano e Santo Stefano) e dei molti comitati e associazioni che si erano visti accogliere il loro ricorso per la realizzazione del biodigestore a Saliceti. Per fortuna che al momento della sua elezione dichiarò che voleva fare diventare la Provincia la “Casa dei Comuni”. Peracchini ha una strana idea di casa dei comuni visto che va contro due di essi. Il Tar dice chiaramente che la pianificazione provinciale non prevede come sito per il biodigestore località Saliceti in quanto è specificato che tale impianto è da costruirsi presso Boscalino per circa 20.000 tonnellate. Lo stesso tribunale amministrativo conferma la bontà dell’iter burocratico intrapreso dall’ente provinciale stesso fino alla decisione finale del sito di Boscalino. Lo abbiamo sempre sostenuto. In molte occasioni abbiamo provato a portare questa discussione in Consiglio Provinciale ma il Presidente non ha mai voluto aprire una discussione sul tema. Oggi, di fronte all’incarico dato ad un noto professionista genovese, chiediamo al Presidente di fare gli interessi della nostra Provincia e di dimostrare, a poche settimane dalla fine del suo mandato, di non lasciare eredità così pesanti a chi lo sostituirà nel ruolo di Presidente della Provincia. Ritiri il ricorso e risparmi i circa 20.000 euro di parcella del professionista”.

Simone Regoli, Massimo Lombardi, Giacomo Cappiello

leggi anche
Provincia
"guardiamo a scelte condivise e partecipate"
Ricorso sul biodigestore, opposizione in Provincia: “Non essere complici di una scelta regionale prepotente ed assurda”
Corteo No Biodigestore
Affiancati dal difensore civico
Biodigestore, i comitati segnalano la sentenza del Tar ai ministeri della Salute e della Transizione ecologica