Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Il messaggio del vescovo

“Siamo chiamati a diventare ogni giorno, sempre più, artigiani di pace”

"Nella luce della Pasqua non possiamo rimanere indifferenti".

Il vescovo della Spezia, Sarzana e Brugnato Luigi Ernesto Palletti

Messaggio del vescovo Luigi Ernesto Palletti.

«La pace sia con voi». Così si è rivolto il Signore risorto ai suoi discepoli la sera di Pasqua. Questo stesso saluto lo rivolge ancora ad ognuno di noi oggi, nella nostra storia, nelle nostre fragilità, nelle nostre contraddizioni. Siamo di fronte al mistero dell’incarnazione del Figlio di Dio che, se nel Natale abbiamo contemplato nella semplicità e nella tenerezza di quel bambino posto nella grotta di Betlemme, oggi siamo chiamati a vivere nella luce del mistero pasquale: mistero di morte e di resurrezione. Il Cristo Crocifisso e risorto è il cuore della nostra fede e della nostra salvezza. Nella liturgia del giorno di Pasqua sentiamo proclamare: «Morte e vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto ma ora, vivo, trionfa». Con lui l’umanità è stata riportata in comunione con Dio. È stata sanata quella relazione che si era frantumata con il peccato. Ma quanto è difficile per il cuore dell’uomo accogliere e vivere tutto ciò! Proprio questi giorni della nostra storia, in questo momento di luce pasquale, vengono segnati dalla presenza di drammatici avvenimenti di morte. Oltre al flusso di migranti ed alle situazioni di nuove povertà materiali e spirituali, che si affacciano sempre nuove ogni giorno, dobbiamo registrare infatti anche l’insorgere di un nuovo scenario di guerra che si pensava di non dover mai più vedere. Nella luce della Pasqua non possiamo rimanere indifferenti. Veramente significativa è stata la risposta solidale a tanti appelli e a tanta sofferenza sia con l’invio di beni di prima necessità, sia con l’accoglienza dei rifugiati. La solidarietà sta segnando in modo concreto l’agire di molti, e questo seme fecondo permette di lenire le sofferenze di tanti nostri fratelli e sorelle. Ma è necessario perseverare. Come credenti non possiamo dimenticare che la pace vera, quella che tocca e modella il cuore dell’uomo, è dono di Dio. Dono che dev’essere invocato e accolto. Purtroppo non sempre sappiamo custodirlo e alimentarlo convenientemente. Di qui la necessità di ritrovare in modo autentico la forza della preghiera semplice e perseverante. Inoltre dobbiamo saper rileggere le nostre relazioni, avere il coraggio di chiamare le cose, gli eventi con il loro vero nome, per vivere all’interno della storia senza lasciarsi travolgere dalla tentazione della fuga in mondi virtuali. Ancora una volta siamo chiamati a riflettere sul bene della pace, di una pace che si fondi sulla solidarietà, sulla giustizia, sulla verità, sul rispetto autentico gli uni degli altri, sulla custodia del creato. Siamo chiamati a comprendere con sempre maggiore urgenza quanto la vita di ognuno di noi sia legata a quella degli altri. Le relazioni, la comunione, il camminare insieme sono parti essenziali della nostra umanità. Siamo chiamati a diventare ogni giorno sempre più “artigiani di pace”. Proprio il Signore risorto, lasciandoci il dono della pace, ha consegnato ai suoi discepoli il dono dello Spirito Santo e, in quello stesso Spirito, il seme di una vita nuova nella luce del Vangelo, da vivere nella verità, nella misericordia e nella testimonianza fattiva, perché l’inopportuno silenzio non diventi connivenza e il legittimo desiderio di giustizia non si muti in vendetta. Lasciamo dunque che ancora una volta risuoni il grande annuncio pasquale: «Cristo è risorto ! Sì, è veramente risorto ! », ricordandoci delle parole del Signore: «Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me» (Matteo, 25, 40). A tutti chiedo una preghiera ed assicuro il mio ricordo al Signore risorto e vivo, augurando una santa e serena Pasqua di risurrezione.

Il vescovo Luigi Ernesto Palletti

leggi anche
Emporio solidarietà per Ucraina
Fondazione carispezia raddoppierà le donazioni
Prosegue la raccolta di fondi della Caritas per le famiglie ucraine
Monsignor Palletti
Attualità
Settimana Santa: tutti i riti presieduti dal vescovo
Generico aprile 2022
Cultura e spettacolo
Un libro di Gianni Donati racconta un’incompiuta di Michelangelo
Lutto
Cronaca
Salesiani, si è spento don Torri: fu parroco al Canaletto
Alta via dei monti liguri, veduta della Val di Vara e del golfo della Spezia dalla vetta del monte Gottero  (2015) (foto Giorgio Pagano)
Aveva 84 anni
L’ultimo saluto a padre Gabriele Serena Tasca, parroco in tante località della Val di Vara
Luigi Ernesto Palletti, Vescovo della Spezia
Gli appuntamenti
Pasqua, le celebrazioni con il vescovo
Cinzia Morelli e Giancarlo Saccani
Alle 18.00 in piazza mentana
Azione Nonviolenta in Piazza San Pietro, mercoledì nuovo presidio per la pace