LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Operazione antipirateria

“Pirati a bordo!”, Nave Rizzo manda i fanti della San Marco a controllare il cargo

La fregata della Marina Militare, impegnata nel Golfo di Guinea, ha ricevuto domenica comunicazione di un attacco di pirati ai danni del mercantile Arch Gabriel, battente bandiera delle Isole Marshall. Un team di abbordaggio è salito a bordo mentre l'equipaggio si era ritirato nella "cittadella", ma i pirati erano già fuggiti.

Nave Rizzo in missione (ph Marina Militare)

Nella notte tra domenica e lunedì scorso la fregata Luigi Rizzo,  impegnata nelle acque del Golfo di Guinea nell’operazione antipirateria denominata Gabinia, ha ricevuto comunicazione di un attacco di pirati ai danni del mercantile Arch Gabriel, battente bandiera delle Isole Marshall, mettendo in atto una serie di azioni che hanno dissuaso i pirati dal persistere nell’attività illecita.

La fregata, trovandosi a circa 280 miglia dal mercantile, ha immediatamente fatto rotta verso l’area dell’evento e, una volta a distanza utile, alle prime luci dell’alba di oggi ha mandato in volo uno dei suoi elicotteri con a bordo gli operatori della Brigata Marina San Marco, specializzati in attività di sicurezza e abbordaggio. Giunto in zona, il velivolo ha acquisito contatto radio con l’equipaggio che ha riportato di essersi rifugiato, subito dopo aver lanciato l’allarme, all’interno della cosiddetta “cittadella” per sfuggire alla minaccia dei pirati saliti a bordo.

Nel frattempo nave Rizzo ha serrato la distanza con il mercantile, verificando l’assenza di personale armato sui ponti scoperti oltre che di imbarcazioni sospette nell’area circostante. Intorno alle 14 di ieri è stata quindi avviata un’operazione che ha visto l’inserimento sul mercantile a mezzo elicottero di un team di abbordaggio, mentre la stessa fregata Rizzo ha garantito il necessario supporto di sicurezza della cornice esterna. Dopo circa un’ora, il team di abbordaggio della Marina Militare ha completato la messa in sicurezza del mercantile, ne ha assunto il controllo e, verificata l’assenza a bordo di pirati o altro personale ostile, ha liberato l’equipaggio rimasto fino a quel momento chiuso nella cittadella. L’equipaggio ha quindi iniziato il ripristino dei danni causati dai pirati onde poter proseguire la navigazione verso Lagos mantenendo comunque a bordo un’aliquota di personale della Brigata Marina San Marco e potendosi avvalere anche della scorta di Nave Rizzo.

Le acque del Golfo di Guinea continuano a registrare eventi di pirateria marittima e la Marina Militare prosegue quindi la propria attività di presenza e sorveglianza, a supporto dei traffici marittimi nazionali e a salvaguardia della sicurezza e della libertà di navigazione nell’alto mare.

Più informazioni
leggi anche
Nave Rizzo (foto Marina Militare)
Al comando del capitano di fregata andrea cecchini
Nave Rizzo nel Golfo di Guinea a contrasto della pirateria
Nave Bergamini
Cronaca
Pirateria, Nave Margottini salpata per le acque orientali
Nave Virginio Fasan
Attualità
Corno d’Africa, all’Italia il comando della missione antipirateria
Nave Carabiniere
Attualità
Nave Carabiniere in missione antipirateria con gli incursori a bordo
Nave Grecale torna alla Spezia
Attualità
Abbracci e commozione, Nave Grecale torna a casa dalla missione antipirateria
Nave Rizzo (ph Marina Militare)
Aveva lasciato la spezia a febbraio
Nave Rizzo torna alla Spezia, i famigliari riabbracciano l’equipaggio dopo quattro mesi