Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Il punto con il direttore generale di asl 5

Covid, Cavagnaro: “Prematuro parlare di nuova ondata, chiaro decremento di pazienti che necessitano della Terapia intensiva”

Dall'Asl 5 il direttore generale e le accortezze da tenere bene a mente: "Mantenere la distanza di sicurezza, lavare spesso le mani e indossare la mascherina soprattutto al chiuso e se con persone sconosciute delle quali non conosciamo lo stato vaccinale. In presenza di non vaccinati, consiglio di tenere la mascherina anche all'esterno".

Aumentano i contagi e le ospedalizzazioni diminuiscono. Il Covid resta una malattia altamente contagiosa, oggi alla Spezia i nuovi positivi sono 345, ma la massiccia campagna vaccinale condotta sino ad oggi ha messo una battuta d’arresto ai casi più gravi. Sull’andamento del virus in provincia interviene Paolo Cavagnaro direttore generale dell’Asl 5 della Spezia, contattato da Città della Spezia.

C’è un incremento dei contagi che va di pari passo con le aperture che si vanno realizzando e con una maggiore rilassatezza nei comportamenti della cittadinanza. L’invito è di continuare a mantenere alta la guardia e soprattutto di vaccinarsi  – spiega il direttore generale -. È evidente che se il vaccino non protegge dal contagio lo fa senz’altro rispetto agli esiti gravi della malattia. Stiamo, infatti, osservando un aumento dei positivi ma un chiaro decremento dei ricoveri e soprattutto dei pazienti che necessitano di terapia intensiva“.

L’aumento dei contagi alimenta lo spettro di una nuova ondata. Per il direttore generale: “È prematuro dirlo. In questo momento non ci sono le condizioni per fare una previsione che possa essere anche solo minimamente attendibile. Io, comunque, sono ottimista“.
Chiaro che la sicurezza non è mai troppa ed è necessario seguire alcune accortezze: “Mantenere la distanza di sicurezza, lavare spesso le mani e indossare la mascherina soprattutto al chiuso e se con persone sconosciute delle quali non conosciamo lo stato vaccinale – conclude Cavagnaro -. In presenza di non vaccinati, consiglio di tenere la mascherina anche all’esterno”.

 

 

leggi anche
Ospedale San Bartolomeo Sarzana
Bollettino del 15 marzo
Tornano a crescere i positivi ma calano i ricoverati
Filippo Ansaldi
Dati a confronto
Covid-19, da lunedì Liguria in zona bianca
Mosca, Il Cremlino (2006) (foto Giorgio Pagano)
Luci della città
La guerra e la paura del futuro, a due anni dal Covid-19
Generico marzo 2022
Il monitoraggio settimanale
Il Covid non molla. Gimbe: “In una settimana i nuovi casi sono risaliti del 35 per cento”
Ospedale San Bartolomeo
Bollettino del 17 marzo
Salgono ancora i positivi, ma scendono i ricoveri. Un altro decesso al San Bartolomeo
Vaccini
Un decreto non determina la fine di una malattia
Fine emergenza sanitaria, quarta dose over 50 e recupero liste d’attesa. Sanità e futuro della pandemia