Quantcast
Ministero ha stanziato la prima quota del finanziamento per la bretella Santo Stefano-Ceparana - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Intervento totale da quindici milioni

Ministero ha stanziato la prima quota del finanziamento per la bretella Santo Stefano-Ceparana

Siglato anche il contratto per la progettazione definitiva e l'incarico esecutivo per realizzare l'opera, domattina si chiude l'iter con la firma.

Ponte sulla Statale 330 a Ceparana

Procede a ritmi serrati il programma di potenziamento e sviluppo della rete stradale nella zona della Val di Magra grazie ad una serie di interventi coordinati che hanno come elemento cardine la nuova strada di collegamento tra il raccordo autostradale e la sponda destra del fiume Magra. Il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili ha stanziato la prima quota del finanziamento ottenuto dalla Provincia per realizzare l’intero intervento. Si tratta di una prima trance da 1.510.000 euro che è stata elargita ieri, direttamente dalla Tesoreria dello Stato presso il Ministero Economia e Finanze.
L’inizio dei versamenti attiva il programma di finanziamento concordato e segue regolarmente la fase post assegnazione dell’incarico di “progettazione definitiva/esecutiva, dell’intervento di collegamento tra via Arenelle e l’asse autostradale di penetrazione del porto della Spezia”, e la fase post assegnazione dell’incarico per il “progetto e dell’esecuzione dell’opera per il collegamento tra il raccordo autostradale e la sponda destra del fiume Magra”.

Si tratta dell’intero programma che prevede il progetto di collegamento tra l’area di Ceparana e quella di Santo Stefano Magra, ovvero la tratta completa del collegamento stradale tra il raccordo autostradale e la sponda destra del fiume Magra: la cosiddetta “bretella Santo Stefano di Magra-Ceparana”. Uniformando il più possibile i procedimenti amministrativi dei due lotti, nelle scorse settimane era stata affidata, infatti, la progettazione e l’esecuzione dei lavori per l’intero intervento di collegamento tra il raccordo autostradale e la sponda destra del fiume Magra.

Domani mattina (venerdì 18 febbraio), come programmato, è prevista la formalizzazione conclusiva del contratto con la firma dell’atto presso gli uffici della Provincia della Spezia. Alla chiusura della gara era stata accettata la proposta di aggiudicazione, relativa alla procedura di assegnazione dell’incarico, relativa al risultato migliore offerente il costituendo Rti Società Edilizia Tirrena Set Spa, capogruppo mandataria, con sede in La Spezia (Agnese Costruzioni Srl mandante,Varia Costruzioni Srl mandante, Costruzioni e Montaggi Srl mandante, Itec Engineering Srl progettista indicato), avendo conseguito il maggior punteggio complessivo, pari a 83,66 punti, (ribasso offerto 10,65% sull’importo posto a base di gara di € 10.565.907,68 di cui € 272.871,16 per costi della sicurezza non soggetti a ribasso, oltre IVA).

“Questo è uno dei programmi più importanti che la Provincia della Spezia sta portando avanti a favore del potenziamento e della riqualificazione della rete viaria spezzina. Lo sviluppo della pratica, seguita dagli uffici provinciali, non si è mai fermato, siamo nei tempi pianificati, oggi sono arrivati gli stanziamenti iniziali che avevamo concordato con il ministero, le procedure di contratto sono state completate e domani l’iter si chiude con la firma. Quindi ora inizia la fase esecutiva. Si lavora parallelamente su due lotti, questo ci garantisce la possibilità di operare sul programma in modo coordinato, senza spreco di risorse e con una migliore capacità di intervento. -spiega il Presidente Pierluigi Peracchini- l’obiettivo lo abbiamo chiaro: migliorare e razionalizzare l’intera rete stradale provinciale, sgravare altre arterie dal traffico. Ciò faciliterà la mobilità di tutti, ma sarà anche un’opportunità per i territori per sviluppare economia. Avere una nuova strada a cavallo di Val d i Vara e Val di Magra vuol dire sostenere la concretamente la piccola media impresa, gli artigiani e il turismo. È uno strumento importante a favore dichi, in un momento di grande opportunità, voglia investire e a fare economia nella nostra provincia. Oltre al fatto che un percorso stradale come questo, con le caratteristiche previste dal progetto, è indispensabili per i cittadini”.
Questo consentirà di dare risposte concrete alle istanze del territorio, risolvendo così nel minor tempo possibile una sentita problematica per la Val di Mara e la bassa Val di Vara. Si tratta della fase fondamentale del più vasto programma di collegamento, tramite la realizzazione di un’arteria stradale dedicata e di un ponte attraverso il fiume Magra, tra l’area strategica di Ceparana (e della bassa Val di Vara) e gli spazi di Santo Stefano Magra portata avanti dalla Provincia della Spezia in collaborazione con la Regione Liguria e gli enti locali.
Quest’opera rientra, per la fase di sviluppo del progetto, nel programma triennale delle opere pubbliche 2020-2022, mentre il crono programma di esecuzione riguarda il periodo 2021-2024. Il piano finanziario prevede, per il solo ponte sul fiume Magra lavori per 7.496.502,22 euro, per le rampe di accesso e collegamento lavori 1.700.325,91 e per le spese tecniche impegni per 823.958,72 euro, mentre il totale dell’intervento sarà per un investimento di 15.100.000,00 euro.
Il programma del nuovo raccordo stradale è stato sostenuto da un primo finanziamento di 3 milioni di euro da parte di Regione Liguria che, anticipando una parte degli stanziamenti previsti dal un bando nazionale, ha garantito di poter procedere con le prime fasi operative e attuare le pratiche, comprese le progettazioni esecutive, con tempistiche conformi al cronoprogramma dell’opera. Il finanziamento ministeriale, oggi attivato, consentirà così anche la restituzione concordata dell’anticipo dato dalla Regione e lo sviluppo definitivo delle opere.

leggi anche
La Val di Magra vista dalla località Boceda, sotto Ponzano superiore
Viabilità
Ponte Ceparana: “Secondo lotto può essere primo tratto di Variante Cisa”
La piana di Santo Stefano e Vezzano
"cui prodest?"
Articolo Uno: “Bretella, saremo scettici finché non saranno mostrati i numeri che ne certificano la convenienza”
Gionni Giannarelli
Santo stefano
Ex Sicam, 168mila euro per monitoraggio
Generico febbraio 2022
Finanziato dal programma eacea
Santo Stefano, il plauso dell’Europa per la buona riuscita del progetto Rescue