Quantcast
Il virus rallenta, calo dei positivi nelle scuole spezzine. In arrivo le nuove regole - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
I dati aggiornati e le novità

Il virus rallenta, calo dei positivi nelle scuole spezzine. In arrivo le nuove regole

Sono 1008, in tutte le scuole di ordine e grado, gli studenti attualmente positivi. Nella rilevazione dal 19 al 25 gennaio erano 1392.

Cala il numero dei positivi della popolazione scolastica provinciale. Dati alla mano si segna un sensibile calo generalizzato in tutte le scuole per ordine e grado. I numeri emergono dal report settimanale di Asl 5.

Questi ultimi dati sono stati raccolti nella finestra che va dal 26 gennaio al 1° febbraio ed emerge che sono 1008, in tutte le scuole di ordine e grado, gli studenti attualmente positivi. Nella rilevazione dal 19 al 25 gennaio erano 1392. Per quanto riguarda il personale scolastico i positivi sono scesi a 77 rispetto ai 103 nella raccolta di dati della settimana precedente.

Diminuiscono anche le classi in quarantena da 187 sono diventate 143. Significativo il calo delle quarantene anche tra studenti e personale scolastico. Nella rilevazione aggiornata al 25 gennaio erano 2.421 in quella aggiornata a ieri sono scese a 1.716.

Nel dettaglio dei vari gradi scolastici da martedì scorso a ieri nella scuola dell’infanzia i positivi sono scesi da 394 a 242. Nella primaria da 429 a 348, nella secondaria di primo grado gli alunni positivi erano 265, i dati aggiornati a ieri segnano un ulteriore calo con 186 studenti positivi. Infine nelle secondarie di secondo grado i positivi sono passati da essere 304 a 232.

Il virus dunque sembra rallentare nel mondo della scuola che sta per affrontare una nuova fase. La cabina di regia ha disposto nuove regole che dovranno seguire gli istituti a partire dal 7 febbraio.

Più scuola in presenza e meno didattica a distanza secondo le nuove regole covid per vaccinati e non vaccinati tra quarantena, dad, contatti con positivi. Lo riporta Adnkronos in merito alla linea seguita dalla cabina di regia con il premier Mario Draghi sulla misure. Verrà introdotta anche una novità la “divaricazione” tra vaccinati e non dai 6 anni in su.

In particolare per la scuola dell’infanzia, dai 0 ai 6 anni, si resta in presenza fino al quinto caso di positività in classe. Per la primaria fino a 5 casi in classe non succede nulla, dal sesto vanno in dad per 5 giorni solo i non vaccinati e per la scuola secondaria fino a 2 casi in classe si resta in presenza, dal terzo vanno in dad per 5 giorni solo i non vaccinati. Le nuove regole dovrebbero entrare in vigore da lunedì 7 febbraio.

Cambiano le regole sulla scuola, ma non la durata della quarantena che resta fissata in 10 giorni per chi ha contagi in classe ed è costretto alla Dad. Nei giorni scorsi si era parlato di accorciare a 5 giorni la quarantena per gli studenti, il Governo avrebbe invece deciso di mantenere la durata attuale. Questo era il punto alle 17, nel corso della conferenza stampa e il comunicato diffuso in serata la quarantena è passata da 10 giorni a 15.

Più informazioni
leggi anche
Ospedale San Bartolomeo
Bollettino del 2 febbraio
Una vittima a Sarzana, in Liguria guarite 250mila persone da inizio pandemia
Sala di osservazione all'Hub vaccinale dell'ospedale di Sarzana
248 classi in quarantena in totale
Boom di contagi nella scuola dell’infanzia. Pochi adulti approfittano della linea open per la terza dose
Pediatria e il Pronto soccorso pediatrico al Sant'Andrea della Spezia
L'appello per le famiglie
Cinque accessi al giorno in Pediatria per il Covid, il primario Corona: “Le donne in gravidanza e allattamento non temano il vaccino, è sicuro”
Il direttore della sezione spezzina dell'Ufficio scolastico regionale Roberto Peccenini
Contagi in calo
Scuola e Covid cambiano le regole. Peccenini: “Si intravede la luce in fondo al tunnel, ma diciamolo a bassa voce”
Una classe dell'istituto Chiodo
Crescono le iscrizioni anche nei tecnici e nei professionali
L’adozione dello Spid proroga la chiusura delle iscrizioni a scuola. Arrivano i primi dati dal Miur, i licei restano “i preferiti”