LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Sostegno garantito

“Siamo il Golfo dei poeti” plaude al ricorso di Legambiente contro il progetto edilizio in Salita Canata

Preparazione dell’area di cantiere in Salita Canata

“Apprezziamo la caparbietà e l’impegno di Legambiente, che, ribadendo la contrarietà di tanti cittadini, prosegue nel ricorso contro il progetto di edificazione in Salita Canata”. Lo affermano in una nota i consiglieri comunali di Lerici, Roberto Vara, Emanuele Nebbia Colomba e Bernardo Ratti, componenti del gruppo consiliare “Siamo il Golfo dei Poeti”.

“Abbiamo accolto immediatamente le istanze e la richiesta d’aiuto dei cittadini presentando in Consiglio comunale, ad aprile scorso, un’interrogazione e una mozione in merito, chiedendo di rivedere quanto deliberato e di verificare la possibilità di fermare tale operazione, per difendere uno degli ultimi siti integri di Lerici, entrambe bocciate dall’amministrazione lericina. Ma anche aderendo e partecipando alla successiva manifestazione pubblica svoltasi in Salita Canata”, ricordano i consiglieri di opposizione.

“La nostra decisa posizione in Consiglio comunale, l’indignazione dei cittadini e il ricorso al Tar di Legambiente, hanno però sortito un intervento, pur tardivo, da parte del Comune di Lerici con una variante al Puc che pone qualche limite alla Legge 49/09 e successive variazioni (Piano Casa), nonostante siano state bocciate ulteriori nostre proposte di miglioria della stessa. Una variante al Puc di aggiornamento che solo parzialmente ci soddisfa. Arrivata tardi, dopo autorizzazioni di questi ultimi anni che hanno permesso progetti e iniziative impattanti come quello di Salita Canata e altre. La decisione di Legambiente di appellarsi al Consiglio di Stato, dà un’ulteriore speranza di preservare un’area di alto valore paesaggistico, culturale e di memoria come l’uliveto storico e il sentiero che lo attraversa. Come Gruppo “Siamo il Golfo dei Poeti” – concludono Vara, Nebbia Colomba e Ratti – siamo convinti che l’unità d’intenti tra varie entità, associazioni e cittadini, possa contribuire a difendere un ambiente unico come il nostro territorio e che possa finalmente cambiare la mentalità, obsoleta, di sviluppo basato solo su mega progetti impattanti e cemento, a scapito della socialità, del mantenimento delle peculiarità, di supporto alle attività e alle giovani generazioni. Da parte nostra assicuriamo un impegno sempre maggiore, continuando nel nostro lavoro propositivo per uno sviluppo compatibile, serio e di difesa dell’ambiente”.

leggi anche
Generico gennaio 2022
Lo scambio
“Legambiente assente su temi fondamentali”. La replica: “Entri nel merito invece di buttare fango”
Preparazione dell’area di cantiere in Salita Canata
In appello al consiglio di stato
Salita Canata, i residenti: “Bene il ricorso di Legambiente per tutelare il territorio”