Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
I timori di confcommercio

Ponti e viadotti a percorrenza alternata: “Temiamo che le soluzioni adottate possano diventare definitive”

Preoccupati Simoncini e Zolesi: "La carenza sistematica di fondi a disposizione dell’Ente preoccupa i cittadini e le attività commerciali in virtù di quello che successe nel 2018 al ponte che collega Beverino con la frazione di Cavanella, che venne chiuso totalmente al traffico per otto mesi e che ancora oggi, nonostante la parziale riapertura a senso alternato, preclude il transito a mezzi pesanti".

Ponte Cavanella-Beverino

“La percorrenza alternata di ponti e viadotti con cui la Provincia ne sta regolamentando il transito, sembra essere diventata prassi consolidata. Beverino, Castiglione Vara e Piano di Madrignano vantano questo triste primato con l’unica responsabilità di condividere le asperità di un territorio legato simbioticamente al proprio fiume”. A dirlo sono Marco Simoncini, delegato Confcommercio Beverino e Giampaolo Zolesi, presidente della media e bassa Val di Vara. “Da qualche tempo, infatti, la carreggiata delle infrastrutture in questione, è stata riconvertita a un unico senso di marcia previo l’utilizzo di semafori. Parliamo di costruzioni che mostrano l’usura del tempo e legittimano la cautela messa in atto dall’Ente provinciale al fine di salvaguardare la sicurezza degli utenti. Quello che però si chiedono gli abitanti, i lavoratori e i titolari di pubblici esercizi e attività commerciale, è conoscere i tempi di questa parziale inagibilità. Nella fattispecie, quello che spaventa di più, è l’idea che la soluzione adottata rimanga quella definitiva. La carenza sistematica di fondi a disposizione dell’Ente preoccupa i cittadini e le attività commerciali in virtù di quello che successe nel 2018 al ponte che collega Beverino con la frazione di Cavanella, che venne chiuso totalmente al traffico per otto mesi e che ancora oggi, nonostante la parziale riapertura a senso alternato, preclude il transito a mezzi pesanti. In questi giorni – proseguono Zolesi e Simoncini – si stanno infittendo le voci che anche nel territorio di Brugnato, ci sia la volontà di adottare lo stesso tipo di soluzione per le strutture a rischio. Chiediamo alla Provincia di chiarire la propria posizione in merito e fornire tempistiche certe per il ripristino della normale viabilità. Ci preme sottolineare che al disagio della popolazione, fanno seguito anche le pesanti ripercussioni subite dalle molteplici attività dei territori interessati”.

leggi anche
PIGNONE  dov'era l'antico ponte
Da pellegrotti a barcellone
Pignone, i ponti e quel canale scolmatore che rimase solo sulla carta
Provincia della Spezia
Decreto 7 maggio
Risorse ponti e viadotti, Peracchini: “Risultato importante, è stata una rincorsa”
Ponte di Piana Battola
Sp10 e sp566
Demolizione e ricostruzione per i ponti sul Vara di Piana Battolla e Borghetto-Brugnato