Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
La toscana ringrazia

“Savona ha in proporzione 1300 sanitari in più, ma qui i sindaci sono avulsi dal problema”

Il Manifesto per la sanità locale in piazza con gli infermieri. "Chiederemo un incontro a Peracchini e Ponzanelli, come primi cittadini della Spezia e di Sarzana, affinché schierino la Conferenza dei sindaci su questo tema". E annunciano una nuova manifestazione: "Questa volta assieme ai cittadini e sotto il Comune della Spezia".

Valter Chiappini

C’era anche il Manifesto per la sanità  locale in piazza con gli infermieri del Nursind questa mattina. L’associazione, che a sua volta aveva invitato il sindacato al proprio incontro con i sindaci del territorio, da tempo batte sugli stessi argomenti trattati in Piazza Mentana. Il Manifesto ha però aperto uno squarcio sulla situazione locale. “La Spezia è la periferia, siamo i più bistrattati di tutta la Liguria nel campo della sanità – ha detto Valter Chiappini, attivista ed ex infermiere -. Da anni denunciamo la gravissima carenza di personale di ASL5, che si assomma alle rivendicazioni su stipendi troppo bassi e la scarsa organizzazione della nostra azienda sanitaria. A cui la politica regionale non offre alcun aiuto. Solo ottenere dati ufficiali e pubblici da Genova è complicatissimo, ci siamo riusciti solo grazie all’insistenza dei consiglieri regionali Ugolini e Centi”.

Secondo Chiappini, i dati dicono che alla Spezia “viaggiamo con 650 unità di personale in meno rispetto ad Imperia, un territorio assimilabile per popolazione. Se usassimo la media di operatori che hanno a Savona, altro territorio simile per popolazione, dovremmo avere 1300 dipendenti in più. Siamo alla quarta ondata di Covid e i problemi sono gli stessi della prima”. Per quanto riguarda l’organizzazione, “gli infermieri conoscono solo il giorno prima gli orari del giorno successivo e su di loro è ricaduto il peso della mancanza degli OSS”.

Il punto, secondo il Manifesto, è che le istituzioni della provincia spezzina non hanno mai portato il tema con forza fino a Genova. “I sindaci qui sembrano avulsi dal problema della sanità locale, nessun passo decisivo è stato fatto presso la Regione Liguria – esorta Chiappini -. Chiederemo un incontro a Peracchini e Ponzanelli, come primi cittadini della Spezia e di Sarzana, affinché schierino la Conferenza dei sindaci su questo tema”. La prossima manifestazione sarà di carattere locale e chiederà la partecipazione di tutta la cittadinanza. “Scendiamo in piazza di nuovo, ma questa volta tutti assieme e sotto il Comune della Spezia”.

Più informazioni
leggi anche
Sanità, le associazioni tornano a manifestare in Via Fazio
"noi ci saremo"
Manifesto per la sanità locale: “Alla manifestazione saremo al fianco del Nursind”
Roberto Centi
Lista sansa
“Asl 5 ultima in Liguria per personale sanitario. Serve un piano di assunzioni straordinario”
Manifesto per la sanità locale
Si muove la società civile
“Nuovo Felettino, rescindere il contratto con Pessina ci costerà 100 milioni”
Ospedale San Bartolomeo Sarzana
Bollettino del 28 gennaio
Otto nuovi ricoveri nello Spezzino, quasi seicento i positivi di oggi