Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Tutti i dati

Dai monopattini truccati, agli stalli disabili occupati. Record di violazioni e i vizi degli spezzini nel report della Polizia locale

Presentazione del report annuale della Polizia locale della Spezia. Il sindaco Peracchini: "Dimezzati gli incassi dalle multe, siamo passati da 5milioni a 2.5milioni di euro. Segnale che puntiamo alla sicurezza dei cittadini". L'assessore Ivani: "Superato il delicato momento dovuto ai contagi nel comando". Il comandante Bertoneri: "Gli agenti lavorano con dedizione e diventeranno punto di riferimento nei quartieri".

Il ritorno alla normalità, la rimodulazione dei servizi, l’aumento dei controlli, l’adozione di nuove tecnologie e delle telecamere, l’arrivo di nuove forze  fanno impennare i dati del report della Polizia locale. Emergono anche più i vizi che le virtù degli spezzini sia alla guida e si conferma anche una pessima abitudine, nonostante il pugno di ferro, nell’occupazione degli stalli disabili in maniera indiscriminata oppure con l’utilizzo indebito dei pass. Da non dimenticare l’occupazione abusiva degli stalli dei residenti che segna un aumento del 200 per cento delle violazioni rilevate. Tra i numeri record da segnalare anche quello relativo a 418 spezzini che circolavano senza copertura assicurativa. Emerge anche un altro dato: il Comune dalle multe ha incassato la metà. Passando da 5milioni di euro a 2.5milioni di euro.

Nel report della Locale si segnano aumenti anche a tre cifre. Un esempio su tutti è il 110 per cento in più delle violazioni rilevate sull’utilizzo dei monopattini. Nell’ultimo anno la Polizia locale ne ha scovati 52 truccati e resi ciclomotore.

Il report completo è stato illustrato questa mattina, a Palazzo civico, dal sindaco della Spezia Pier Luigi Peracchini, dall’assessore alla Sicurezza Filippo Ivani e dal comandante della Polizia locale Francesco Bertoneri.

Francesco Bertoneri, Pierluigi Peracchini e Filippo Ivani

Il sindaco Pier Luigi Peracchini ha sottolineato l’importanza del “cambio di rotta”. “Il Comune – ha detto – non vuole fare cassa ma intervenire sulla prevenzione, lo dimostrano anche gli incassi sulle multe. Quando siamo arrivati la media era di 5mln di euro di introiti dalle multe, adesso siamo scesi a 2.5milioni. Segnale chiaro che il nostro è un intervento sulla reale sicurezza dei cittadini e non per le tasche dell’ente. Abbiamo attuato un’autentica rivoluzione lo dimostrano le nuove dotazioni dall’aumento delle telecamere, ai droni, alle bodycam e il numero degli agenti in servizio. A questi elementi si aggiungono la nuova divisione del territorio in nove zone di intervento e l’arrivo dell’unità cinofila. A causa della pandemia abbiamo rinunciato al classico appuntamento per la festa della Municipale ma non perdiamo occasione per ringraziare gli agenti e il comandante per il loro operato”.

L’assessore Filippo Ivani ha aggiunto: “Ringrazio il comandante Bertoneri e gli agenti sempre presenti nel territorio. I nuovi assunti si sono messi subito al lavoro con grande dedizione. In quest’anno si registrano grandi risultati, basti pensare ai dati relativi al contrasto di stupefacenti. La Polizia locale ha passato un momento delicato quando molti agenti hanno contratto il Covid. La situazione è stata superata e non possiamo che essere soddisfatti”.

Il comandate Francesco Bertoneri è in carica da quasi un anno. “Sto vivendo una bellissima esperienza e sono circondato da persone che svolgono il proprio lavoro con grande professionalità e dedizione. I numeri mostrano l’impegno profuso dei nostri agenti. Con la rimodulazione del servizio e la divisione della città a zone con la presenza della pattuglie sia al mattino che al pomeriggio permettono che il cittadino trovi nell’agente di Polizia locale un punto di riferimento. Le pattuglie si alterneranno nelle varie zone a turni di due mesi. Lavoreranno anche conoscendo meglio i cittadini e l’area di competenza, in modo che nel momento in cui ci sarà un cambio di zona i colleghi si passeranno le informazioni giuste. Con le pattuglie appiedate e i giri nei quartieri si creano le condizioni adeguate per intercettare meglio alcune situazioni e scoprire nuove criticità. Noi vorremmo lavorare più sulla prevenzione che sulla repressione dei reati“.

 

Polizia locale

 

I dati

Controlli sui veicoli e Dpi. Ventisei minimarket chiusi temporaneamente. “In totale sono stati 33.464 i veicoli sottoposti a controllo, 15.156 le persone controllate per uso D.P.I. e possesso green pass, 1.570 le ispezioni in pubblici esercizi ed attività commerciali – si legge nel report completo -. Di questi risultati, due terzi si collocano nell’arco temporale compreso tra la data del 06 agosto (giorno di entrata in vigore dell’obbligo del green pass esteso a pubblici esercizi ed ulteriori e determinate attività) al 31 dicembre 2021. L’attività svolta ha portato al controllo del possesso di 3.880 certificati verdi Covid-19, alla contestazione di 98 sanzioni per mancato uso dei D.P.I., oltre a 98 segnalazioni di reati in Procura e 26 chiusure temporanee di pubblici esercizi, minimarket, circoli e bar quali sanzioni accessorie per non aver rispettato la normativa anticovid vigente“.

Sicurezza stradale, rilievo di sinistri, decoro urbano, sicurezza urbana, contrasto allo spaccio  di stupefacenti, polizia giudiziaria, commerciale, edilizia e ambientale, hanno registrato numeri che documentano un incessante impegno da parte delle donne e degli uomini del Comando di Viale Amendola n. 9.

Sicurezza stradale. Abuso di alcol e sostanze del 100 per cento. “Per quanto concerne la sicurezza stradale – precisa il report della Locale – preme innanzi tutto evidenziare un costante contrasto ai reati di guida in condizioni alterate: 30 conducenti sono stati denunciati per abuso di alcool alla guida e 11 per uso di sostanze stupefacenti con un incremento del 100 per cento rispetto al 2020, anno in cui tale tipo di accertamenti ha subito una flessione a causa delle modalità di effettuazione rispetto alla sicurezza e prevenzione dal contagio degli Agenti operanti.

Monopattini elettrici, l’ultilizzo sbagliato e quelli truccati. Per le violazioni +110 per cento. “Grande attenzione – si legge nel report – è stata altresì dedicata al corretto uso dei dispositivi della c.d. mobilità sostenibile, con 108 sanzioni per violazione delle norme di comportamento da parte dei conducenti di monopattini elettrici.  In questo caso, l’incremento del 110 per cento delle violazioni verbalizzate rispetto al 2020 è conseguente all’adozione di specifiche normative in materia ed alla rapida diffusione di tali mezzi nel complesso della mobilità urbana, in virtù anche degli incentivi introdotti. Tali controlli sono quindi divenuti prioritari sul fronte della sicurezza stradale sia per le modalità di guida che per la regolarità dei dispositivi, tant’è che nel corso del 2021 52 veicoli elettrici a due ruote di altro tipo che sono stati sequestrati per alterazioni e modifiche alle caratteristiche costruttive e funzionali tali da rendere i mezzi dei veri e propri ciclomotori non immatricolati. Tale dato, nel 2020, era  di soli 3 veicoli sequestrati.

 

Violazioni del Codice della Strada +15 per cento. Aumento esponenziale dei veicoli rimossi con il +195 per cento. Gli spezzini che viaggiano senza assicurazione.

“Più in generale sono state 40.342 le violazioni accertate al Codice della Strada nel 2021 dalla Polizia Locale con un incremento, rispetto al 2020,  del 15 per cento delle verbalizzazioni mentre 1.355 sono stati i veicoli rimossi coattivamente rispetto ai 774 dell’anno precedente – precisa la relazione -. In proporzione sono cresciuti esponenzialmente i controlli stradali, con un incremento medio del 195 per cento, a dimostrazione del rinnovato impegno al contrasto ed alla  repressione comportamenti particolarmente incidenti sulla sicurezza degli utenti:  sono state verbalizzate 254 guide imprudenziali, 190 casi di uso di smartphone durante la guida, 39 violazioni per mancato uso del casco, 338 per il mancato uso delle cinture di sicurezza.  Sono stati 418 i casi di circolazione senza la prescritta copertura assicurativa, con conseguente sequestro dei veicoli, rispetto ai 142 del 2020: dato, questo, che sottolinea il sempre crescente impegno della Polizia Locale quale avamposto di garanzia a copertura dei diritti di tutti gli utenti della strada”.

Del numero totale delle violazioni al Codice della Strada, fanno parte 9.101 contestazioni a conducenti stranieri oppure sanzioni notificate all’estero in quanto relative alla circolazione di veicoli non italiani, mentre 19.084 sono state registrate dai varchi elettronici della Z.T.L. per accessi non autorizzati – si legge. Il controllo dell’occupazione abusiva degli stalli di sosta riservati ai residenti, ha portato all’accertamento di 2.391 violazioni rispetto alle 1.044 del 2020, con un incremento percentuale di oltre il 200 per cento come risposta alle esigenze di controllo fortemente volute dai cittadini aventi diritto a fruire di tali spazi”.

Stalli disabili occupati, pass non validi. Dal 1° ottobre sequestrati 311 contrassegni decaduti. “L’impegno profuso nel garantire il diritto alla mobilità dei soggetti disabili muniti di apposito contrassegno, ha consentito di sequestrare penalmente 16 contrassegni  alterati o contraffatti mentre 89 sono stati i sequestri amministrativi di tagliandi invalidi usati impropriamente da soggetti allorquando il veicolo non era al servizio del disabile – prosegue il report -. Si aggiunge la verbalizzazione di un totale di 145 soste abusive su marciapiedi, arrecanti grave intralcio soprattutto ai disabili, e negli spazi riservati invalidi indebitamente occupati. Nel 2020 nessun sequestro penale di pass contraffatti era stato eseguito, così come i pass impropriamente usati  e sequestrati erano stati percentualmente la metà: questo balzo in avanti, compiuto anche grazie a data-base più efficienti, testimonia una forte risposta alla carenza di spazi lamentata dagli stessi disabili, a causa di indebite occupazioni  da parte di automobilisti non aventi diritto.

Sempre sul fronte della salvaguardia dei diritti dei disabili, si evidenzia che il nuovo Ufficio a ciò dedicato, dalla sua costituzione, avvenuta il 1° ottobre 2021, a fine anno, ha ritirato e/o revocato ben 311 contrassegni per decadenza degli stessi (decesso intestatari o tagliandi scaduti), facendo così efficace opera di prevenzione per eventuali abusi“.

Infortunistica stradale, sicurezza urbana e “malamovida”. Sul campo dell’infortunistica stradale, la Polizia Locale ha garantito un servizio continuativo rilevando in totale 1.275 incidenti, dei quali 866 con soli danni alle cose, 407 con feriti e 2 con esito mortale.

“Per quanto concerne la richiesta proveniente dalla cittadinanza di avere un sempre più alto livello di sicurezza urbana – si legge ancora – nonché di una ordinata e civile convivenza, il contenimento del disturbo della quiete in generale ed il contrasto al degrado urbano nella città ed in particolare nel centro storico, cuore della così detta “movida”, la Polizia Locale ha risposto vigilando sul rispetto delle Ordinanze adottate in materia dal Sindaco in dette aree durante tutto il periodo estivo; tale attività ha portato all’accertamento e contestazione di 45 violazioni per la “mala movida” e la vendita e/o somministrazione irregolare ed in orari non consentiti di bevande alcoliche. Sempre in tema della sicurezza urbana, sono stati 11 i verbali per casi di manifesta ubriachezza, 18 quelli per atti contrari alla pubblica decenza e 26 le contestazioni per violazioni al “Decreto Minniti” con l’applicazione di altrettanti ordini di allontanamento”.

“Questi dati  – prosegue la relazione – dimostrano, rispetto alle analoghe voci degli anni passati, un massiccio impiego delle forze della Polizia òocale sul fronte della sicurezza urbana, con numeri addirittura più che quintuplicati o, addirittura, per quanto concerne il Decreto Minniti e relativi ordini di allontanamento, senza precedenti, a testimonianza della concreta risposta della Civica Amministrazione ai bisogni di sicurezza dei cittadini”.

 

Controlli nei mercati e nelle attività commerciali. “L’attività di Polizia Amministrativa, mirata al controllo di tutte le attività commerciali – prosegue la nota -, è stata costante nel corso di tutto il 2021 ed intensificata nel periodo estivo per quanto concerne il controllo dei pubblici esercizi (bar e varie attività di ristorazione): le istruttorie svolte per l’apertura di negozi e pubblici esercizi e gli accertamenti di competenza diretti a terzi uffici sono stati 245, 682, invece, i controlli nelle aree mercatali cittadine e 268 i servizi coordinati con i volontari ANPS, rispetto ai 72 del 2020. Sono stati 94 i servizi con dispositivi interforze a fronte dei 13 effettuati nel corso del 2020, così come sono state 8 le specifiche verifiche con altri enti quali A.S.L. e Ispettorato del Lavoro. Di pari passo seguono i servizi di ordine pubblico nel Quartiere Umbertino che nel 2021 sono stati 98 rispetto ai 13 del 2020. Le specifiche ispezioni effettuate, anche su segnalazioni dei cittadini, a pubblici esercizi e altre attività commerciali, finalizzate all’accertamento di illeciti, sono state invece 1080 con un incremento annuo del 18 per cento“.

 

Decoro urbano +20 per cento delle violazioni accertate dal 2020, abbandono rifiuti e 616 infrazioni. “E’ proseguita senza soste anche l’attività del Nucleo Decoro Urbano del Corpo a contrasto della compromissione dell’igiene urbana costituita dall’abbandono irregolare in ambito cittadino dei rifiuti; tale attività  ha portato alla verbalizzazione nel 2021 di 616 infrazioni ai regolamenti ed alle ordinanze specifiche in materia – si legge -. Per quanto concerne invece l’abbandono di veicoli fuori uso, che vengono lasciati sulle strade pubbliche con grave pregiudizio per l’ambiente ed il decoro urbano, sono stati 269 quelli rimossi dal Nucleo Decoro e portati ai centri di raccolta autorizzati, ed in 54 casi, al termine del complesso iter procedurale, i relativi proprietari ed autori degli abbandoni sono stati sanzionati per illeciti alla legge speciale in materia ed al Testo Unico Ambientale. L’impegno della Polizia Locale sul fronte del decoro cittadino ha costituito una delle priorità anche in costanza della pandemia, con un incremento di quasi il 20 per cento delle violazioni accertate rispetto al 2020”.

 

Nucelo edilizia e accertamenti anagrafici. “In tema di regolarità delle opere oggetto di controllo da parte del Nucleo Edilizia, sono state 24 le violazioni accertate e verbalizzate al vigente Regolamento Edilizio, più che raddoppiate nell’ultimo anno per la ripresa delle attività economiche nel campo dei lavori edili – sottolinea il report -. Anche gli accertamenti anagrafici, elettorali e sui requisiti di ordine generale e morale svolti dal Comando hanno subito un’impennata, passando da una media nel quinquennio precedente di circa 4000, ai 5121 effettuati nel 2021”.

Le azioni di Polizia giudiziaria, il contrasto allo spaccio di stupefacenti. “La presente statistica si chiude con gli importanti numeri raggiunti della Sezione di Polizia Giudiziaria che, nell’ultimo anno, ha implementato in maniera esponenziale il suo impegno sul fronte della sicurezza urbana in forza di un deciso input  in tal senso della Civica Amministrazione: un fattivo e rinnovato impiego in tale ruolo della Polizia Locale, senza precedenti, ha portato alla denuncia all’Autorità Giudiziaria di 644 persone per reati di varia natura, aventi il comune denominatore di destare allarme e preoccupazione sociale, con l’esecuzione di 29 arresti – conclude la relazione –. Tra tali dati meritano essere evidenziati i numeri derivanti dai servizi svolti a contrasto dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti: 43 spacciatori sono stati denunciati, 22 arrestati e 45 sono state le persone segnalate in Prefettura come consumatori di droghe“.

 

leggi anche
Polizia Municipale La Spezia
Un anno di attività
Boom di multe per i monopattini e mancato uso delle mascherine
La consegna dell'encomio a Mozzachiodi
I dati
Più controlli e sanzioni in città. Preoccupa l’abuso di alcol e droga
Polizia municipale
L'analisi
Abbandono e fuga dagli incidenti aumentati nell’anno della pandemia
Polizia municipale
I commissione
I reati nello Spezzino calano del 21 per cento ma ad alcuni in commissione non basta. Il comandante Bertoneri: “Non si facciano critiche ingiuste agli agenti”
Polizia locale
Blitz della polizia locale in un locale
Musica senza autorizzazione, clienti senza greenpass e un cameriere senza mascherina
Pianazze, un quartiere pieno di contrasti
Rischia sanzioni sino a 42mila euro
Sorpreso con patente revocata da 14 anni, senza revisione e privo di assicurazione
Piazza Verdi by bight
Rischiano il daspo urbano
Si arrampicano sugli archi di Buren e postano le loro “imprese” sui social: guai per tre minorenni
Polizia locale
Scelta improvvida
Passeggera senza casco, scooter rubato e una denuncia inevitabile
Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro
Denunciato il datore di lavoro
Controlli ai cantieri edili, scoperte irregolarità. A Vezzano scattano denunce e sanzioni
Giardini pubblici
Proposto “daspo urbano”
Nel bel mezzo dei giardini beccato a urinare. La multa è salatissima