LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Presa di posizione

Giardino pantesco, delegazione Fai: “Col Pnrr finanziamenti possibili, Comune Porto Venere recuperi il bene”

Il "giardino pantesco" visto da Porto Venere

L’imminente alienazione di un compendio immobiliare a Porto Venere, costituito da un edificio in parte diruto e dal terreno circostante attualmente di proprietà comunale, sta suscitando ampie reazioni nella pubblica opinione e lo schieramento di cittadini ed associazioni. La bellezza dei beni interessati è indiscutibile: è una bellezza che fa sognare ed un sogno spesso è stato il punto di partenza di molte esperienze di successo del FAI, che all’inizio sembravano irrealizzabili e poi, con il contributo di molti, sono diventate realtà. Perciò dispiace che proprio adesso, in un momento di forte sostegno economico alle iniziative di valorizzazione del patrimonio pubblico grazie al Pnrr, si rinunci a pensare un futuro diverso per questo bene delicato e prezioso.

Il versante lungo il quale sorge il rudere in vendita presenta una serie di elementi di grande rilievo storico e ambientale, tra i quali spiccano il castello Doria, i resti di una cava di portoro (i cui annessi superstiti, in pessime condizioni, rappresentano un importante documento di archeologia industriale), l’avvio del sentiero n°1 del Cai che costituisce uno dei percorsi identitari del sito Unesco e del Parco Nazionale delle Cinque Terre. L’interesse pubblico trascende i limiti fisici del rudere e dell’uliveto che lo circonda e si estende ad un ambito ben più vasto, così come l’attenzione che è stata suscitata deve continuare ad essere alimentata dall’impegno dei cittadini e delle istituzioni. La sensibilizzazione può servire anche a rilanciare la riflessione critica sulle modalità di tutela del paesaggio e dei monumenti nello scenario contemporaneo, nel quale sono immensamente cresciuti i mezzi che consentono la partecipazione dei cittadini alle campagne per la protezione dei luoghi più significativi e più amati. I Luoghi del Cuore FAI ne sono un esempio.

Per questo il FAI auspica che l’attuale mobilitazione a Porto Venere possa dare impulso alla rinascita d’interesse da parte dell’ente pubblico stesso all’elaborazione di un progetto di recupero e valorizzazione dell’area e dei beni che vi insistono, grazie anche ai nuovi obiettivi e alle nuove opportunità di finanziamento, a scala nazionale ed europea, legati alla sostenibilità ambientale.

 

Deledazione Fai La Spezia

leggi anche
Giardino Pantesco, Castello Doria e promontorio di San Pietro a Porto Venere
A porto venere
Giardino pantesco, la Soprintendenza stoppa l’asta: “Sul terreno non è stata richiesta la verifica dell’interesse culturale”
Il "giardino pantesco" visto da Porto Venere
Attualità
La petizione online contro la vendita del “giardino pantesco” di Porto Venere ha superato le 30mila firme
La manifestazione contro la vendita del giardino pantesco di Porto Venere
Movimento cinque stelle
Porto Venere, Ugolini: “I cittadini sono stati chiari: giù le mani dal giardino pantesco”
Il "giardino pantesco" visto da Porto Venere
Giardino pantesco
Escono dalla procedura di alienazione i terreni non sottoposti a verifica dell’interesse culturale
La manifestazione contro la vendita del giardino pantesco di Porto Venere
"progettazione partecipata"
“Quasi 40mila firme contro la vendita di Via della Crocetta, si interrompa procedura di gara”
Il "giardino pantesco" visto da Porto Venere
Porto venere
“Terreno non è solo pertinenziale al fabbricato, ma insiste anche su giardino pantesco”
Attivisti a Porto Venere
Caso aperto
“Non si vende il Paradiso”, attivisti a Porto Venere per il consiglio sul giardino pantesco
L'asta per la vendita dei beni di Via della Crocetta
Quattro buste arrivate in comune
Porto Venere, assegnato per 55mila euro il fabbricato di Via della Crocetta