Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Presidente gimbe

Cartabellotta ammonisce: “Nuovo conteggio dei ricoveri proposta inadeguata e rischiosa”

Non solo Toti spinge per un cambio di metodo, ma anche Cts e ordine dei medici si dicono contrari.

Vaccino anti Covid

La proposta di introdurre un nuovo sistema per conteggiare i pazienti Covid in ospedale è “inadeguata e rischiosa per ragioni cliniche e inapplicabile per ragioni organizzative“, “serve solo ad evitare restrizioni. Tanto vale togliere il sistema delle Regioni a colori”. Parole chiare quelle del presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, fortemente preoccupato che la proposta di cambio di contabilizzazione separata tra pazienti ospedalizzati per Covid-19 e pazienti ricoverati per altre patologie, con infezione da Sars-CoV-2 ma asintomatici per Covid-19 porti a “sottostimare il reale sovraccarico degli ospedali”.

Per Cartabellotta la positività al Covid-19 può peggiorare la prognosi di pazienti ricoverati per altre motivazioni, anche in relazione all’evoluzione della patologia o condizione che ha motivato il ricovero e alle procedure diagnostico-terapeutiche attuate”. Inoltre “è inapplicabile per ragioni organizzative: la gestione di tutti i pazienti Sars-CoV-2 positivi, indipendentemente dalla presenza di sintomi correlati al virus, richiede personale, procedure e spazi dedicati, oltre alla sanificazione degli ambienti. Di conseguenza, risulta molto difficile immaginare la gestione degli ‘asintomatici’ senza risorse aggiuntive, in particolare locali e personale”. Infine, sottolinea Cartabellotta “ha rilevanti risvolti medico-legali: la responsabilità di assegnare il paziente ricoverato ad una delle due categorie, con tutte le difficoltà e le discrezionalità del caso, è affidata al personale medico e alle aziende sanitarie, su cui ricadrebbero i rischi”.

“Visto che l’obiettivo delle Regioni – conclude Cartabellotta – è chiaramente solo quello di ridurre la percentuale di occupazione in area medica per evitare il passaggio alla zona arancione o addirittura a quella rossa, allora tanto vale eliminare il sistema dei colori, lasciando ad ogni Regione le proprie responsabilità, sull’entità del sovraccarico ospedaliero e sui ritardi alle cure nei pazienti non Covid”. Contrario a modificare il conteggio e anche a eliminare il bollettino quotidiano oltre all’ordine dei medici, è il comitato tecnico scientifico: gli esperti avrebbero ribadito la necessità di continuare a conteggiare anche gli asintomatici che entrano in ospedale per altri motivi ma che risultano positivi al virus per monitorare l’andamento della pandemia e identificare le varianti.

Più informazioni
leggi anche
Ospedale San Bartolomeo, tre reparti senza più casi di Covid-19
Battaglia al covid
“Centomila dosi nell’ultima settimana, Liguria rimane in zona gialla”
Giovanni Toti
Parla il presidente ligure
Liguria verso l’arancione, si attende il report finale. Toti: “Si cambi metodo di conteggio positivi”