Quantcast
Gli studenti del Mazzini ricordano David Sassoli: "Un punto di riferimento" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Liceo spezzino

Gli studenti del Mazzini ricordano David Sassoli: “Un punto di riferimento”

Le parole degli alunni della 5F che l'anno scorso da remoto avevano incontrato il presidente del Parlamento Europeo.

David Sassoli (foto Parlamento Europeo)

Non appena abbiamo saputo della notizia della scomparsa del Presidente David Sassoli, abbiamo sentito il bisogno, come studenti Ambassador, di dedicargli queste poche righe. L’idea che sulla poltrona più prestigiosa del Parlamento europeo sedesse un italiano ci riempiva di orgoglio ed era stimolo per le nostre carriere future. La sua morte ci addolora profondamente e ci fa sentire un po’ naufraghi.
“L’anno scorso, grazie al Programma EPAS – Scuola Ambasciatrice dell’Unione Europea, anche se costretti a stare dietro un computer, abbiamo avuto un piacevole incontro con David Sassoli, il quale ci ha cordialmente inviato un video, che è stato inserito come apertura nel nostro filmato. Il Presidente, punto di riferimento per la UE, si è dimostrato, fin da subito, gentile e appassionato, anche davanti ad un pubblico di studenti come noi. Quando la notizia della sua prematura mancanza è arrivata alle orecchie della classe, tutti sono rimasti sorpresi e addolorati. Mi piace pensare, che i suoi insegnamenti e le sue giuste parole, rimangano per sempre nelle menti dei suoi colleghi, amici, familiari e sostenitori e così, di certo, non verrà dimenticato”.
“Uno dei modi più giusti per commemorare il presidente David Sassoli è senz’altro quello di riprendere una delle sue più importanti citazioni durante il mandato: “L’Unione Europea non è l’incidente della storia!”. Frase di grande ispirazione perché ci ha fatto capire che saremo i futuri cittadini dell’Unione Europea e ha fatto in modo che ci acculturassimo in questo campo divenendo EU Ambassador”.
“David Sassoli è stato un punto di riferimento fondamentale per la UE durante questo periodo di pandemia globale, ma anche per la Conferenza sul Futuro dell’Unione Europea, voluta e sostenuta da lui e alla quale riuscì a dare un enorme contributo. È stato un Presidente rigoroso, aperto al dialogo e alle nuove iniziative, ricercando sempre il bene comune”.

Più informazioni
leggi anche
Santo Stefano, il consiglio ricorda Sassoli
La scomparsa del presidente dell'europarlamento
Santo Stefano, il consiglio ricorda Sassoli