Quantcast
Giardino pantesco, la Soprintendenza stoppa l'asta: "Sul terreno non è stata richiesta la verifica dell'interesse culturale" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
A porto venere

Giardino pantesco, la Soprintendenza stoppa l’asta: “Sul terreno non è stata richiesta la verifica dell’interesse culturale”

Giardino Pantesco, Castello Doria e promontorio di San Pietro a Porto Venere

Con una lettera inviata al Comune di Porto Venere, e per conoscenza a Legambiente, al Gruppo di intervento giuridico e a Paolo Negro, la Soprintendenza per l’archeologia, le belle arti e il paesaggio della Liguria ricorda all’amministrazione comunale che “gli immobili di proprietà pubblica aventi più di settanta anni sono sottoposti ope legis alle disposizioni di tutela fino a quando non sia stata effettuata la verifica dell’interesse culturale. Fino alla conclusione di tale procedimento i beni stessi sono inalienabili”.

Si tratta di un concetto ben noto al Comune di Porto Venere, che viene ribadito dopo che a Genova sono giunte varie segnalazioni riguardanti l’avviso di asta pubblica per il compendio di proprietà comunale costituito da terreno e fabbricato posti tra il Castello Doria e il Muzzerone, lungo il sentiero che percorre Via della Crocetta.

Il soprintendente, Cristina Bartolini, segnala che solo una piccola parte del compendio è stata sottoposta al parere degli uffici del ministero della Cultura. Il terreno in vendita, invece, non è stato ancora sottoposto a verifica (come aveva anticipato CDS qui) dell’interesse culturale, per cui rientra in quella casistica dei beni inalienabili, almeno sino al termine di tale procedura.

“E’ quindi logico – afferma Legambiente in una nota – che questa constatazione dovrà avere come conseguenza l’interruzione del procedimento di asta pubblica, la prima cioè delle richieste in calce all’Appello che vede 31 soggetti firmatari e Legambiente La Spezia come capofila. Rimangono le altre due richieste espresse dal documento, ovvero il mantenimento della proprietà pubblica e l’avvio di un percorso partecipato per la migliore gestione dell’area con le finalità più consone alla stessa tra quelle espresse dall’ampio movimento popolare che ha supportato l’appello e che vede la raccolta di firme online avere raggiunto quota 35mila”.

leggi anche
Il "giardino pantesco" visto da Porto Venere
Presa di posizione
Giardino pantesco, delegazione Fai: “Col Pnrr finanziamenti possibili, Comune Porto Venere recuperi il bene”
Il "giardino pantesco" visto da Porto Venere
Giardino pantesco
Escono dalla procedura di alienazione i terreni non sottoposti a verifica dell’interesse culturale
La manifestazione contro la vendita del giardino pantesco di Porto Venere
"progettazione partecipata"
“Quasi 40mila firme contro la vendita di Via della Crocetta, si interrompa procedura di gara”
Il "giardino pantesco" visto da Porto Venere
Porto venere
“Terreno non è solo pertinenziale al fabbricato, ma insiste anche su giardino pantesco”
Attivisti a Porto Venere
Caso aperto
“Non si vende il Paradiso”, attivisti a Porto Venere per il consiglio sul giardino pantesco
Il fabbricato di Via della Crocetta
Mercoledì alle 10 l'apertura delle buste
Giardino pantesco, scaduti i termini per partecipare all’asta. Ma c’è un’altra istanza di annullamento