Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
"mancano strutturazione e reperimento personale"

Tamponi alunni, Pastorino scrive al direttore Alisa: “Regna il caos assoluto”

Il vice presidente della Commissione sanità: "Se Regione Liguria non è in grado di adempiere a quanto previsto a livello nazionale lo si ammetta chiaramente, altrimenti si proceda con urgenza".

Gianni Pastorino

Il consigliere regionale Gianni Pastorino, vice presidente della Commissione Sanità della Regione Liguria ha scritto al Direttore Generale di Alisa Dr. Filippo Ansaldi “per denunciare il caos totale con riferimento ai tamponi gratuiti per gli studenti”, si legge nella nota di Linea condivisa, di cui Pastorino è capogruppo nell’assemblea regionale.

“Non si capisce bene dove sia il corto circuito tra le dichiarazioni del Generale Figliuolo e quanto accade in Regione Liguria. Perché da una parte il Commissario all’emergenza esterna sui media come procedere per l’effettuazione di test rapidi antigenici gratuiti per gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado e specifica ‘se l’alunno frequenta la scuola secondaria di primo grado o di secondo grado, provvede a contattare immediatamente il pediatra o il medico di famiglia, che, ove ritenuto necessario, procederà ad effettuare autonomamente il tampone ovvero a rilasciare idonea prescrizione medica per l’effettuazione del test gratuito’, ma dall’altra parte le famiglie e gli stessi pediatri e medici denunciano di non avere indicazioni su come procedere con riferimento alla cosiddetta ricetta rossa”, afferma Pastorino.

“Di fatto in questo corto circuito organizzativo e burocratico le farmacie – che a loro volta non hanno ricevuto indicazioni – non effettuano i tamponi gratuiti e non si comprende se le disposizioni del Generale Figliuolo sono o non sono realizzabili in Regione Liguria”, prosegue la nota.

“Se Regione Liguria non è in grado di adempiere a quanto previsto a livello nazionale l’assessore alla sanità Toti e il commissario straordinario di Alisa dr. Ansaldi devono ammetterlo chiaramente. Se invece siamo in grado di fare il nostro dovere, che si faccia con urgenza! Regna il caos assoluto: manca una sensata strutturazione territoriale e manca il reperimento del personale: ricordiamoci che il personale infatti è sempre lo stesso da due anni a questa parte, facendo eccezione per chi è andato in pensione o per chi non essendosi vaccinato è stato sospeso o spostato”, aggiunge Pastorino, concludendo: “E adesso non vorremmo che ci fosse un’ulteriore mancanza rispetto a quanto si prevede a livello nazionale e con riferimento all’incapacità di organizzare procedure efficaci, efficienti e chiare relativamente alle istruzioni da fornire a pediatri, medici di medicina generale, scuole e farmacie con riferimento ai tamponi gratuiti. Per questo oggi ho scritto ad Alisa: per avere contezza della situazione”.

Più informazioni
leggi anche
Spezzini in coda davanti a una farmacia
La nota della regione
Positivi in classe, tamponi gratuiti anche in farmacie e laboratori privati
Tampone
I casi specifici
Positivo in classe? I compagni hanno diritto al tampone gratuito
Foto di anurag kaushik da Pixabay
L'ordine del giorno
Punti tampone fuori dalle discoteche, ok dal consiglio regionale
Tampone/test Covid-19
"la realtà è ben diversa"
Tamponi, i totiani replicano a Pastorino: “Polemica sterile e nociva”
Tampone/test Covid-19
Le proposte m5s
“Tamponi anche nelle parafarmacie, e per l’inserimento a sistema dei referti si coinvolgano le pubbliche assistenze”
Consiglio regionale
La replica
I totiani: “Tamponi in parafarmacia, non è competenza Regione. Tosi si informi”