Quantcast
Obbligo vaccinale, in cinque giorni il 41 per cento delle prime dosi somministrato agli over 50 - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Dati raccolti dal 5 al 10 gennaio

Obbligo vaccinale, in cinque giorni il 41 per cento delle prime dosi somministrato agli over 50

Centro vaccinazioni Ex Fitram

Nei primi giorni di obbligo vaccinale per gli over 50, anche alla Spezia qualcosa si è mosso. Stando ai dati aggiornati al 10 gennaio, forniti da Asl 5, sono state 120 le prime dosi somministrate dai 50 anni in su. La raccolta evidenzia tutte le prime dosi effettuate nella finestra temporale che va dal 5 al 10 gennaio, ovvero dal giorno in cui il governo ha annunciato l’imminente obbligo a quello in cui è entrato effettivamente in vigore. Per tutte le fasce di età il totale ammonta a 291 dosi e il 41 per cento dei nuovi vaccinati si trova nella fascia di età oltre i 50 anni.

Il giorno in cui si sono registrate più somministrazioni è stato 10 gennaio con 36 dosi, nel fascia over 50 e 41 nelle altre, arrivando a un totale di 77 prime dosi.  Le vaccinazioni dai 50 anni in su a partire dal 5 gennaio hanno proceduto in maniera costante con una media di 24 vaccinazioni al giorno. Non sono mancati i picchi con 31 e 36 dosi somministrate il 7 e il già citato 10 gennaio. Il 9 è stato il giorno in cui se ne sono segnate meno con sole 4 vaccinazioni per gli over 50. Escludendo la fascia di età per la quale c’è l’obbligo vaccinale, dal 5 al 10 gennaio sono state somministrate 171 dosi.

In questi giorni il premier Draghi e il ministro della Sanità Speranza sono tornati sul tema dell’obbligo vaccinale.  Il Presidente del Consiglio dei ministri nella giornata di ieri ha sottolineato: “Lo abbiamo fatto sulla base dei dati, essenzialmente, che ci dicono che chi ha più di 50 anni corre maggiori rischi, le terapie intensive sono occupate per i due terzi dai non vaccinati – come riporta Ansa -. Grazie alla vaccinazione la situazione che abbiamo di fronte è molto diversa dal passato. L’economia ha segnato una crescita di oltre il 6 per cento, le nostre scuole hanno riaperto”.

Il ministro Speranza nelle ultime ore, durante un questione time alla Camera ha spiegato: “Siamo in una fase epidemica nuova, con Omicron abbiamo una grande crescita dei casi, in tutta Europa. Monitoriamo in primis il dato delle ospedalizzazioni: il rapporto casi-ospedalizzazione è radicalmente cambiato grazie alle vaccinazioni. Questa mattina siamo arrivati all’89,58 per cento di prime dosi: ieri il numero più alto di vaccinazioni, circa 700 mila dosi somministrate”.

Sulle vaccinazioni degli over 50 ha aggiunto: “Quel 10 per cento di non vaccinati comporta i due terzi degli ingressi in terapia intensiva e il 50 per cento in area medica. Ridurre l’area dei non vaccinati significa abbassare la pressione sugli ospedali, salvare vite umane e consentire al Paese di ripartire dal punto di vista economico e sociale”.

leggi anche
Vaccini a Bragarina
Somministrazioni da domani
Booster 12-15 anni, 2.300 prenotazioni nella prima mezz’ora