Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Per intercettare finanziamenti

Vigneti storici, le Cinque Terre attendono il riconoscimento formale

Manca una delibera della giunta regionale che ne definisca l’iter, per questo di Comuni di Riomaggiore e Vernazza guardano a Genova. "Nonostante in molti abbiano investito con risorse proprie e recuperato dall’abbandono appezzamenti consistenti, c’è ancora una gran parte del nostro territorio che deve essere recuperato e i limiti dei diritti di reimpianto frenano gli investimenti", dice la sindaca Pecunia.

Vigneto alle Cinque Terre

I consigli comunali di Riomaggiore e di Vernazza si rivolgono a Regione Liguria per chiedere la conclusione dell’iter per il riconoscimento dei vigneti storici ed eroici, come previsto dalla legge 238/2016. Il recupero delle terre incolte è una tematica di vitale importanza per le Cinque Terre, ma per veder riconosciuto formalmente questo valore perché manca una delibera della Giunta regionale che ne definisca l’iter. Questo riconoscimento, secondo gli enti locali, sarebbe cruciale anche per ottenere un punteggio maggiore in caso di richieste di finanziamenti o partecipazione a bandi specifici.

“Abbiamo chiesto al Consiglio comunale un voto di indirizzo per spingere l’iter amministrativo da parte di Regione Liguria – ha spiegato la sindaca Fabrizia Pecunia -. Il decreto Interministeriale 30/6/2020 dispone, infatti, che gli interessati possano presentare alle Regioni di competenza la domanda per il riconoscimento di vigneto eroico e storico. Ma per farlo Regione Liguria deve prima concludere l’iter previsto da questo decreto, in modo da poter attuare, tramite delibera di giunta regionale, la procedura che permette ai singoli agricoltori di presentare domanda per vedere riconosciuto per il proprio terreno queste due caratteristiche molto importanti (come fatto da Regione Veneto, per esempio). Abbiamo appoggiato e sostenuto l’iniziativa partita da Vernazza – prosegue Pecunia – in quanto se a farsi portavoce di questa istanza saranno in maniera sinergica tutti i Comuni e il Parco Nazionale delle Cinque Terre, la richiesta avrà ancora più forza, dando maggiore voce al territorio”.

Per questo motivo anche il Consiglio comunale di Riomaggiore, lo scorso 29 dicembre, ha approvato all’unanimità un indirizzo politico preciso per incalzare Regione Liguria e chiedere un riscontro urgente su un tema strategico, che rappresenta una forma di salvaguardia del territorio e riveste un ruolo fondamentale nell’economia.

“Attualmente, purtroppo, nonostante in molti abbiano investito con risorse proprie e recuperato dall’abbandono appezzamenti consistenti, c’è ancora una gran parte del nostro territorio che deve essere recuperato e i limiti dei diritti di reimpianto frenano gli investimenti. Senza il decreto attuativo da parte di Regione Liguria non sarà possibile vedere riconosciuti i terreni degli agricoltori come vigneti storici ed eroici e non riusciremo a rafforzare, a livello europeo, la nostra battaglia per i diritti di reimpianto. Chiediamo a tutte le Istituzioni interessate, alle associazioni e ai cittadini di unirsi alla nostra voce per essere più forti e coesi”, conclude Pecunia.

leggi anche
Heidy Bonanini impegnato nella vendemmia
"sarà comunque una buona annata"
“Vendemmia alle Cinque Terre: siccità e cinghiali minano il raccolto”
Vendemmia
L'analisi
Vendemmia: grappoli bellissimi e di qualità, produzione in lieve calo
Wellington, Zoppi e Mohammed
Attualità
Wellington e Mohammed, dalla fame al vigneto eroico
Alessandro Piana
Misure inserite nel futuro piano nazionale di sostegno
Vigneti storici ed eroici, Piana risponde a Riomaggiore e Vernazza: “Iter regionale già in essere”
Davide Natale
Partito democratico
Natale: “La Regione anticipi i tempi per il riconoscimento dei vigneti storici”
Il treno a Manarola
A manarola
Depurazione, dissesto idrogeologico e transizione energetica al centro dell’incontro tra Parco e Iren