Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Assenti e tamponi

Dubbi e timori di una scuola che riparte

Per chi è a scuola in autosorveglianza, sono previsti tamponi gratuiti, che potranno essere effettuati presso le farmacie e le strutture convenzionate.

Una classe

E’ il lunedì in cui la scuola saluta definitivamente la lunga parantesi natalizia per riprendere tra un mare di incertezze sia per gli studenti che per gli addetti ai lavori. Le scuole dovrebbero riprendere in presenza ma i numeri dei contagi sono preoccupanti e anche il bollettino di ieri lo conferma una volta di più. La curva dei contagiati inoltre mostra come le più colpite siano le fasce in età scolare ovvero tra i 5 e gli 11 anni e con un alto aumento anche per i 16-19. Se da una parte dal Ministero dell’Istruzione ribadiscono l’importanza della ripresa in presenza, dall’altra sono stati regolati dieci giorni di dad per “casi mirati e specifici”. Contrari al ritorno in classe molti presidenti delle Regioni che temeno una nuova ondata di quarantena. Con due positivi dentro la classe i requisiti per frequentare in presenza, durante il regime di autosorveglianza, devono essere dimostrati dall’alunno. Coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale primario, i guariti da meno di 120 giorni, chi ha fatto la dose di richiamo, possono frequentare in presenza, in regime di autosorveglianza. Per chi è a scuola in autosorveglianza, sono previsti tamponi gratuiti, che potranno essere effettuati presso le farmacie e le strutture convenzionate.

Più informazioni
leggi anche
Studenti
Tamponi gratis per il tracciamento
Scuola, il nuovo decreto: “Con due casi in classe i non vaccinati in Dad”