Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Momenti culturali

A Tellaro la presentazione del libro “Il brodo di Natale in Emilia-Romagna”

Irene Fossa e Mattia Fiandaca

Saranno i locali della Locanda Miranda di chef Gianni d’Amato ad ospitare giovedì 6 gennaio, a partire dalle 17.30 a Tellaro, la prevista la presentazione del libro “Il brodo di Natale in Emilia-Romagna”. Quella di Tellaro è l’unica data del book tour prevista in  Liguria. Il libro nasce da un’idea della parmigiana Irene Fossa e del piemontese Mattia Fiandaca, accomunati dalla passione per la cucina di casa e il suo racconto. “Il brodo di Natale in Emilia-Romagna” è un viaggio ideale lungo la via Emilia, le sue città e le sue diversità gastronomiche raccontate attraverso le ricette dei primi piatti in brodo che sono il must della tavola natalizia di questa terra. A impreziosire il testo sono gli interventi di numerosi contributori, tra storici, scrittori, giornalisti e gastronomi: Alberto Capatti, Luca Cesari, Lia Cortesi, Martina Liverani, Massimo Montanari, Alberto Natale, Paolo Tegoni e Giulia Ubaldi. Il progetto editoriale è nato dal basso: una raccolta fondi lanciata sulla piattaforma di crowdfunding Idea Ginger, che ha permesso di superare 8.000 euro di donazioni. L’altro elemento distintivo de “Il brodo di Natale in Emilia-Romagna” è la sua natura benefica. Per ogni donazione ricevuta e per ogni copia del libro venduta, parte del ricavato viene devoluto a Il Tortellante di Modena, laboratorio abilitativo dove giovani e adulti nello spettro autistico imparano a produrre pasta fresca fatta a mano e in particolare, non a caso, i tortellini modenesi. Il progetto, avviato a gennaio 2016 dall’associazione Aut Aut, sostenuto e promosso fin dall’inizio dallo chef tristellato modenese Massimo Bottura, si è dimostrato anche una buona pratica di inclusione, coinvolgendo tutta la comunità, e un’iniziativa che ha permesso di aumentare in queste persone le attività abilitative e migliorarne le autonomie.

“Il brodo di Natale in Emilia-Romagna” è quindi un progetto di cuore che coinvolge con un lavoro di sistema in primis un’intera Regione, ma anche tutti coloro che in questa terra, in questa tavola e in queste ricette si rispecchiano perché vedono parte della loro storia, nonché tutti gli emiliano-romagnoli sparsi per il mondo e tutte le persone che si vogliono emozionare leggendo e sfogliando
storie di cucina. Anolini, cappelletti, tortellini, in ogni città – ma sarebbe meglio dire in ogni famiglia – diventano protagonisti di un racconto che si snoda coinvolgendo, non solo conosciuti protagonisti del mondo gastronomico emiliano-romagnolo, ma anche non addetti ai lavori, persone comuni per cui il cibo, la sua preparazione e la sua narrazione, sono parte integrante della propria vita. Una ricetta per ogni città, accompagnata da un ricordo e da una storia personale: il tutto impreziosito da una diversa opera realizzata appositamente da Lucia Catellani, grafica e illustratrice di Reggio Emilia che da anni si occupa in particolare di rappresentare il cibo, tavole e piatti. Quello che scorre nelle pagine de “Il brodo di Natale in Emilia-Romagna” non sono tanto e
semplicemente numeri, grammi o centilitri dei diversi ingredienti. Ogni ricetta è infatti anche storia, racconto, aneddoto famigliare in cui riconoscersi o immedesimarsi. Ed è grazie alla fermata nella città di Reggio Emilia che i due autori hanno potuto fare la conoscenza di Fulvia Salvarani, presidente dell’associazione del Cappelletto Reggiano ma anche compagna di vita e lavoro dello chef Gianni D’Amato che, meno di un anno fa, è approdato proprio alla Locanda Miranda di Tellaro. Quale migliore occasione, dunque, per presentare il libro fuori regione e offrire, ovviamente,
anche a chi è più distante da certe tradizioni e dai luoghi riportati nel libro un assaggio di cappelletti in brodo e del Natale come lo si vive in Emilia-Romagna.

Più informazioni
leggi anche
Tramonti e i suoi vigneti in un libro fotografico, la presentazione
Scatti di luciano cremascoli
Tramonti e i suoi vigneti in un libro fotografico
Generico dicembre 2021
Presentazioni
“Quel bambino del Termo di via Banzola”, il nuovo libro di Giorgio Neri
Dalla copertina di 'Uga... come tutte'
Domenica al molo italia
‘Uga… come tutte’, il libro di Martina Facinti al circolo I Gabbiani