Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Per fare chiarezza

Autosorveglianza e quarantene brevi per i vaccinati, come orientarsi fra le nuove regole

I contatti stretti di positivi con booster dovranno indossare la ffp2 per 10 giorni: tampone solo in caso di sintomi.

Mascherina Ffp2

Sono diventate realtà dalla mezzanotte del 31 dicembre le nuove regole da rispettare in condizioni di quarantena. Che si azzera per chi ha dose booster o seconda dose da meno di 120 giorni (o siano guariti da infezione da SARS-CoV-2 nei 120 giorni precedenti) ed è entrato in contatto con un positivo, fatto salvo l’obbligo di indossare mascherine tipo FFP2 per almeno dieci giorni. Il periodo di autosorveglianza termina al giorno cinque. In caso di contatti ad alto rischio, i sanitari devono inoltre eseguire tamponi giornalieri fino al 5/o giorno. Per questi soggetti vaccinati o guariti è prevista l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare per la rilevazione dell’antigene Sars-Cov-2 alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid 19.

Tampone

Si chiarisce inoltre, all’interno della circolare emessa questa mattina, che per i soggetti non vaccinati o che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario (cioe’ che abbiano ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste) o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni rimane inalterata l’attuale misura della quarantena prevista nella durata di 10 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo. Per i soggetti che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di quattro mesi, e che abbiano tuttora in corso di validità il green pass, se asintomatici: la quarantena ha durata di 5 giorni, purché al termine di tale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo. Per quel che riguarda invece i soggetti contagiati che abbiano precedentemente ricevuto la dose booster, o che abbiano completato il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni, l’isolamento può essere ridotto da 10 ad una settimana, purché i medesimi siano sempre stati asintomatici, o risultino asintomatici da almeno 3 giorni e alla condizione che, al termine di tale periodo, risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo.