Quantcast
Residenti in altra regione, quando venivano a Spezia si passavano il tagliando invalidi della madre per non pagare il parcheggio - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Ci provano in tanti

Residenti in altra regione, quando venivano a Spezia si passavano il tagliando invalidi della madre per non pagare il parcheggio

Parcheggio invalidi

Da diversi giorni il nuovo Ufficio Pass Invalidi della Polizia Locale, aveva fornito ai colleghi operativi gli estremi di un contrassegno invalidi intestato ad una cittadina spezzina, che purtroppo era da tempo allettata e non poteva più usufruirne; dagli accertamenti svolti dagli agenti, risultava però che i figli dell’intestataria, residenti entrambi fuori regione, durante le loro visite in città, potevano abusare del contrassegno disabili, per evitare di cercare un parcheggio “regolare” e non pagare la tariffa della sosta. Addirittura era sorto il dubbio che il tagliando potesse passare di mano in mano a seconda di chi ne necessitava, fino ad arrivare a prestarlo, all’occorrenza, anche ad
amici. Tuttavia, affinché si potesse procedere al sequestro del contrassegno invalidi, bisognava accertarne l’uso effettivo cosicché gli operatori del Comando di Viale Amendola, attenzionavano particolarmente la zona circostante la residenza dell’intestataria, in attesa dell’arrivo in città dei figli per coglierli sul fatto.

Così è stato lunedì scorso, quando il figlio della signora ha parcheggiato in uno stallo riservato ai disabili esponendo il tagliando segnalato. Quindi è scattata a suo carico la sanzione prevista per l’uso improprio del contrassegno che, nella circostanza, veniva immediatamente sequestrato e che sarà, a breve, revocato non essendo più l’intestataria nelle condizioni di richiederne personalmente la restituzione. L’assessore alla sicurezza Filippo Ivani, in proposito ha dichiarato: “’Abbiamo deciso di far gestire il rilascio ed il ritiro dei CUDE (Contrassegno Unico Disabilità Europeo) alla Polizia Locale proprio per garantire un maggior controllo ed andare a sanzionare e reprimere con rigore quegli abusi, che ledono la possibilità degli aventi diritto di fruire legittimamente degli spazi a loro riservati. Il nuovo ufficio infatti, oltre che garantire un servizio prezioso all’utenza, ci assicura la possibilità di raccogliere informazioni preziose ed intervenire subito a tutela dei diritti dei disabili”.

La Polizia Locale è quotidianamente impegnata nel contrasto all’uso improprio dei pass invalidi e anche negli ultimi due giorni ha proceduto al sequestro amministrativo di altri due contrassegni, durante il controllo soste nei parcheggi riservati ai disabili del Centro Commerciale Le Terrazze, che viene effettuato quotidianamente: in entrambi i casi gli accertamenti eseguiti portavano ad appurare che i veicoli sostavano negli stalli riservati esponendo i contrassegni, senza però che i rispettivi titolari fossero trasportati. In un caso, inoltre, la proprietaria del veicolo aveva contraffatto il pass per allungarne la scadenza. Ai trasgressori sono state elevate le sanzioni di legge,
recentemente inasprite da un provvedimento di modifica ad alcune norme del Codice della Strada, entrato in vigore appunto il mese scorso.

Più informazioni
leggi anche
Piazza Beverini e la sua chiesa
Gli agenti lo hanno ritirato
Usava il pass invalidi del padre per sostare in Piazza Beverini
Polizia locale
Sequestri e sanzioni
Pass invalidi, la Locale stana altri due furbetti
Pass invalidi contraffatto
Un altro furbetto...
Va in vacanza col pass invalidi della defunta madre e si becca una denuncia
Giardini pubblici
Art attack
In sosta con la fotocopia del pass del suocero e con un “collage” di grattini