Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Hi-tech

Mazagon Dock Shipbuilders in visita alla spezzina Edgelab

Partneship nel settore delle tecnologie degli AUV e dei sistemi autonomi sottomarini.

Michele Cocco, Presidente e Direttore di Edgelab, con il Presidente e Amministratore Delegato del colosso indiano Mazagon Dock Shipbuilders Narayan Prasad

Il Presidente e Amministratore Delegato del colosso indiano Mazagon Dock Shipbuilders Ltd., (MDL) Vice Ammiraglio Narayan Prasad e il Direttore Generale Sanjay Kumar Singh, hanno fatto visita, nelle giornate del 30 novembre e 1 dicembre, all’azienda spezzina Edgelab S.r.l.. Le due aziende condividono diverse partnership nel settore delle tecnologie degli AUV (Autonomous Underwater Vehicle) e dei sistemi autonomi sottomarini, tra cui il programma EUT (Expendable Underwater Target) finalizzato allo sviluppo di un bersaglio subacqueo per l’addestramento degli operatori sonar.

“E’ un grande onore – ha detto il Dr. Michele Cocco, Presidente e Direttore di Edgelab srl – avere ospitato il top management di MDL nella nostra sede. La visita dà l’avvio alle attività programmate nell’ambito di progetti comuni ad alto contenuto tecnologico nel dominio sottomarino”.

Mazagon Dock Shipbuilders Limited, con sede in Mumbai è uno dei principali cantieri navali in India. Fondata nel 1774, costituita come società a responsabilità limitata nel 1934. Dopo la sua acquisizione da parte del governo nel 1960, Mazagon Dock crebbe rapidamente fino a raggiungere i 9000 dipendenti e diventare il principale cantiere navale nel settore Difesa in India. Dal 1960 MDL ha costruito un totale di 800 navi nel settore difesa, tra cui 26 unità militari maggiori (destroyers, fregate stealth e corvette) e 6 sottomarini, oltre a 650 navi civili.

leggi anche
L'ambasciatrice indiana in visita a Edgelab
High tech
L’ambasciatrice indiana in visita a Edgelab
Leonardo Paoletti
A bellavista
Un polo della ricerca all’ex Tiresia, Lerici ne parla con Cnr e Dltm
Lorenzo Forcieri
Dentro seafuture
Firmato un memorandum of understanding tra Dltm, Camera e TVT