Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Coinvolte anche le associazioni alliance francais e acit

Spezia e Bayreuth sempre più vicine con i Virtual tours

I tour virtuali saranno incentrati su tre temi: il Liberty, il Futurismo e il Medioevo con l'enogastronomia e la musica. Aderiscono gli isituti scolastici spezzini ITCT Fossati Da Passano; Liceo Linguistico G. Mazzini; Liceo Scientifico A. Pacinotti; Istituto Comprensivo ISA 4; Istituto Comprensivo ISA 1; Conservatorio G. Puccini; Liceo Musicale Cardarelli e Istituto Alberghiero Casini.

Al via i “Virtual tours”, percorsi virtuali alla scoperta del territorio spezzino da promuovere presso le città gemellate e altre realtà estere, che verranno realizzati grazie alla collaborazione tra il Comune della Spezia, gli istituti scolastici aderenti e le associazioni Alliance Francais e ACIT.

“Mettere in dialogo i territori è esattamente il compito primario dei gemellaggi – dichiara il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – la tecnologia in questo è fondamentale e ci aiuta soprattutto in un momento di maggiore criticità a causa del Covid. Come Amministrazione, abbiamo particolarmente investito sul recupero della nostra storia e identità, per questo i tour saranno finalizzati a far conoscere il Liberty, il Futurismo e il Medioevo spezzini. Questi temi, infatti, saranno proprio dei volani storici per invogliare i turismi incardinati anche sui gemellaggi.”

“Un progetto che nasceva dalla volontà degli Istituti scolastici spezzini di continuare ad alimentare quel patto di amicizia che ci lega alle città europee con noi gemellate – dichiara l’assessore ai Gemellaggi Maria Grazia Frijia – L’idea di produrre dei virtual tour per far conoscere la bellezza del nostro territorio sotto varie sfaccettature, è piaciuta agli studenti e questo lavoro verrà utilizzato sia dall’assessorato Gemellaggi che dal Turismo. La nostra città vista con gli occhi degli studenti, sfruttando uno strumento digitale come i virtual tour, ci pare un valido modo per coinvolgere i più giovani, anche nella promozione turistica delle nostre meravigliose bellezze da vivere”.

L’idea, nata nell’ambito delle iniziative di Gemellaggio e, in particolare, del Gemellaggio la Spezia – Bayreuth, prevedeva la partecipazione al bando “Premio dei Presidenti per la cooperazione comunale tra Italia e Germania” che si poneva il fine di promuovere la città della Spezia e la città gemellata ed i loro territori presso le rispettive comunità; il progetto tuttavia non è stato presentato nell’ambito del bando suddetto a causa dell’impossibilità a procedere da parte della municipalità di Bayreuth stante la situazione epidemiologica, tuttavia l’interesse dimostrato dagli istituti scolastici ha portato il Comune a decidere di supportare l’avvio dell’iniziativa anche in assenza di finanziamento esterno e di poter raccogliere in un secondo momento l’adesione di istituti scolastici tedeschi e francesi, nell’ambito del gemellaggio con Bayreuth e Tolone.

I tour virtuali saranno incentrati su tre temi: il Liberty, il Futurismo e il Medioevo con l’enogastronomia e la musica quali componenti trasversali e potranno diventare uno strumento utile per la promozione della città, anche presso altre realtà estere, grazie alla traduzione (sotto titoli) in lingua inglese e cinese, oltre che in francese e tedesco, con il coinvolgimento delle associazioni Alliance Francais e Acit La Spezia.

Gli istituti aderenti sono: Itct Fossati Da Passano; liceo linguistico G. Mazzini; Liceoscientifico A. Pacinotti; Istituto comprensivo Isa 4; Istituto Comprensivo Isa 1; conservatorio G. Puccini; liceo musicale Cardarelli e Istituto alberghiero Casini.

L’Amministrazione comunale fornirà agli istituti e alle associazioni partecipanti un contributo economico di  500 euro a titolo di rimborso spese per le attività di progetto.

Più informazioni
leggi anche
L'assessore Asti nella commissione Turismo
Le idee
Stagione disastrosa per le guide turistiche, le proposte per rialzare la testa
Una guida insieme a un gruppo di turisti
Le voci
Guide turistiche: tra ripartenza a metà e timori per la zona gialla