Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Uno step aggiuntivo

Ok al progetto di fattibilità per la ciclovia che unisce le aree protette liguri

Federparchi: "Avrà un costo complessivo molto contenuto. Si tratta dell'inizio di un percorso che richiederà la condivisione di tutti i soggetti e gli enti locali interessati per poi tornare  alla Giunta regionale"

Bicicletta

E’ stato completato dagli uffici competenti della Regione Liguria lo studio di fattibilità per l’ “Itinerario cicloturistico dei Parchi Liguri” nato dalla proposta che Federparchi Liguria  aveva avanzato nei mesi scorsi.  E’ quanto si legge in una nota di Federparchi Liguria che prosegue: “La proposta era stata accolta lo scorso mese di luglio dal Consiglio Regionale della Liguria con un ordine del giorno approvato alla unanimità e oggi inizia a prendere forma. Si tratterebbe di unire tutte le aree protette della regione con un percorso cicloturistico attrezzato con segnaletica, cartellonistica  esplicativa, punti di ricarica batterie delle E-bike; il tutto ad un costo complessivo molto contenuto. Si tratta dell’inizio di un percorso che richiederà la condivisione di tutti i soggetti e gli enti locali interessati per poi tornare  alla Giunta regionale”. 

La mobilità   sostenibile costituisce  un tassello fondamentale delle politiche per la  Transizione Ecologica.  E’ importante l’impegno della Regione Liguria per la realizzazione dell’Itinerario cicloturistico dei parchi. – afferma il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri –  E visto anche l’orientamento  unanime espresso dal Consiglio regionale ligure, Federparchi, una volta varato,  si impegnerà in tutte le sedi opportune, ministeri compresi, per il riconoscimento economico  del progetto”.

Il percorso dovrebbe articolarsi attraverso una serie di “hub” e “porte dei parchi” da cui muoversi per gli itinerari, individuati in  particolare nelle zone dell’entroterra spesso trascurate da parte del turismo “ufficiale”. Un contributo per rendere i territori protagonisti di un crescente turismo “green” alla ricerca della natura, dei borghi storici, delle tradizioni e delle produzioni tipiche, sempre all’insegna del rispetto dell’ambiente e degli habitat, che Regione Liguria sta promuovendo attraverso la campagna “Liguria Preziosa”.

Accogliamo con soddisfazione lo stato di avanzamento della ciclabile dei parchi  della nostra regione – commenta Roberto Costa, coordinatore Federparchi Liguria–  si tratta di una importante infrastruttura di viabilità  che potrà contribuire non poco alla valorizzazione dell’insieme dei  parchi della Liguria e ci auguriamo che Regione Liguria possa ottenere dal PNRR i fondi necessari alla sua realizzazione.”

Dell’inserimento del progetto nelle rete delle ciclovie nazionali parla anche il vicepresidente della Federazione delle are protette Agostino Agostinelli: “Ci auguriamo che  la proposta dell’Itinerario cicloturistico dei Parchi Liguri possa anche inserirsi negli programmi nazionali che riguardano la realizzazione delle grandi dorsali ciclabili nord-sud e delle trasversali est-ovest  in modo da  diventare  parte di una grande rete ciclabile all’insegna del turismo slow ed eco-compatibile,un comparto in forte espansione  e che contribuisce alla diffusione  di un nuovo approccio alla fruizione dei territori e alle modalità di  movimento delle persone.

 

Più informazioni
leggi anche
Fiume Magra
Transizione ecologica
Federparchi a Cingolani: "Parchi regionali siano parte integrante del sistema nazionale"
Import 2021
“ciclovia dei parchi liguri”
Il sogno di una Liguria verde unita… in bicicletta
La presentazione della ciclovia
"marinella, la porta della liguria"
Entro il 2026 una ciclovia da Marinella a Sarzana passando per Luni e Castelnuovo