Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Una bella storia di natale

Mamma vittima del Covid nelle Filippine, Corniglia adotta a distanza i suoi bimbi

I cornigliesi hanno deciso di compiere questo grande gesto di solidarietà per aiutare la famiglia lontana di una giovane residente del borgo, arrivata in Italia cinque anni fa.

Due bambini hanno perso la mamma. Il papà si è indebitato con un ospedale di Manila nelle Filippine per farla curare contro il Covid-19. Purtroppo però, come si è letto e sentito tante volte da due anni a questa parte, la malattia ha vinto. L’epilogo di questa storia poteva essere terribile ma la comunità parrocchiale di San Pietro apostolo di Corniglia ha compiuto un gesto meraviglioso riportando la speranza a questa famiglia.

Corniglia può sembrare la più aspra delle Cinque Terre ma cela un grande cuore, puro e genuino. Tutto comincia cinque anni fa quando Richard e Jenny Hernandez, assieme ai figli Blake e Zack, originari delle isole Filippine, lasciano Pisa e arrivano nel borgo perché prendono servizio come assistenti domiciliari. Una bella famiglia volenterosa che in poco tempo conquista l’affetto dei cornigliesi, che li accolgono come se fossero stati sempre alle Cinque Terre.

In questi cinque anni, un pezzo di cuore di Jenny è sempre rimasto nelle Filippine. Lei non ha mai perso i contatti con il fratello Joenel Garcia, anch’egli sposato e padre di una bambina due anni e di un neonato. Un mese e mezzo fa un lutto gravissimo stravolge la vita di tutti: la cognata Janice Taño Garcia di appena 26 anni muore dopo una durissima lotta contro il Covid e aver dato la luce al secondogenito. 

Le informazioni da Manila descrivono una situazione critica con gli ospedali intasati. Un’immagine che riporta alla mente l’Italia di ormai due anni fa. Joenel pur di salvare la moglie si è indebitato con un nosocomio privato per 1 milione di pesos filippini, l’equivalente di 20mila euro italiani. Il Covid però è troppo forte e strappa Janice dall’amore della sua famiglia.

Jenny racconta ai suoi amici di Corniglia la tragedia che l’ha colpita. La comunità parrocchiale di San Pietro apostolo, assieme a don Matteo non riesce a rimanere impassibile davanti a tutto quel dolore. Ed è così che Alberto, Mariangela, Anna Maria, Franco, Cesare e tanti altri amici decidono di compiere un gesto di grande valore.  Per aiutare la famiglia di Jenny hanno organizzato una raccolta fondi. A questo punto, la storia si avvia verso il lieto fine.

“Siamo riusciti a raccogliere 2.800 euro – spiegano dalla comunità parrocchiale di San Pietro apostolo – che corrisponde alla metà del debito ancora da estinguere. Nelle Filippine lo Stato riconosce il 65 per cento delle spese sostenute per queste cure ospedaliere”.

A Corniglia però vogliono fare di più e decidono di compiere un gesto ancora più grande, regalando così un finale degno delle storie di Natale più belle.

“Vogliamo adottare a distanza i due bimbi rimasti orfani – concludono dalla comunità parrocchiale -, tra qualche giorno ci confronteremo con la comunità parrocchiale. Raccoglieremo cento euro al mese che manderemo loro per almeno due anni. Sembra una cifra davvero piccola ma che permetterà di poter mantenere serenamente i bambini”.

Joenel non ha esitato a ringraziare la grande famiglia dei cornigliesi, mandando loro un messaggio bilingue che recita: “Grazie mille ai cornigliesi e alla parrocchia di San Pietro”. 

leggi anche
Jenny, Richard e Zack a Corniglia
La testimonianza
Bimbi adottati a distanza da Corniglia, zia Jenny: “Un gesto unico, non ringrazierò mai abbastanza chi ci sta aiutando”
Corniglia, un tesoro alle Cinque Terre
Il sogno è averlo pronto per la primavera del 2023
Corniglia si mobilita per restaurare l’organo di San Pietro, servono 30mila euro