Quantcast
A Levanto potenziata la sicurezza con nuove telecamere e l’assunzione di tre vigili urbani - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Dodici sistemi di videosorveglianza

A Levanto potenziata la sicurezza con nuove telecamere e l’assunzione di tre vigili urbani

Palazzo civico di Levanto

Il Comune di Levanto continua ad affidarsi alle videocamere e all’intensificazione dei controlli attraverso il potenziamento del corpo di Polizia municipale per prevenire e contrastare gli atti di vandalismo e i comportamenti incivili di chi crea danni al decoro e all’immagine del paese deturpando gli edifici o addirittura distruggendo l’arredo urbano.
E lo fa sia attraverso l’installazione di 12 nuove telecamere di ultima generazione nelle aree urbane fino ad oggi scoperte dal sistema articolato di controllo (sia sulla sicurezza che sul traffico) che opera nel centro e nei punti di ingresso alla cittadina, sia con l’assunzione di tre nuovi vigili urbani tra coloro che hanno vinto il concorso che si è concluso con la prova orale lo scorso 25 novembre. “È la duplice risposta dell’amministrazione comunale agli episodi che anche la scorsa estate si sono verificati nel centro del paese – dice il sindaco, Luca Del Bello – Scritte e murales che hanno imbrattato le pareti di edifici pubblici e privati, ma anche danneggiamenti ad infrastrutture ed elementi di arredo urbano con funzioni di servizio come la barra posta all’ingresso della Ztl alla fine di via Jacopo, che è stata divelta dalla sua sede e i cui autori, proprio grazie alle immagini registrate dalle telecamere, sono stati identificati e sanzionati. Sono comportamenti che contiamo di riuscire a perseguire, ma soprattutto a prevenire con un monitoraggio costante e con la presenza nelle strade di personale qualificato”.
Le nuove telecamere controlleranno in particolare la rotatoria di corso Roma antistante il bar “Levanto”, l’incrocio tra via Viviani e via 25 aprile, i lati del palazzo municipale che affacciano sulle vie Saragoni e San Rocco, gli incroci tra via Jacopo e via Zoppi e tra via Jacopo e via Marconi, la stazione ferroviaria, piazza del popolo, il lungomare Vespucci, la piazzetta della Marina, via Canzio.
A seguire il progetto di potenziamento del sistema di videosorveglianza, che è stato finanziato con 40 mila euro dal Ministero dell’Interno e per altri 25 mila dal Comune, è l’assessore all’ambiente e alla viabilità, Paolo Lizza, che spiega: “Attraverso una connessione wi-fi, le immagini arrivano in tempo reale sugli schermi installati negli uffici della polizia municipale e consentono un monitoraggio continuo, sia per intervenire immediatamente, sia per individuare gli autori di danneggiamenti o attivi vandalici già compiuti. Questo ci consentirà di rendere il paese ancora più sicuro, ma stiamo già lavorando ad un progetto sia per potenziare ulteriormente il sistema in centro e per iniziare l’installazione di punti di sorveglianza anche nelle frazioni”.

Più informazioni
leggi anche
Le aree di copertura del sistema di videosorveglianza progettato
Le zone interessate
Porto Venere progetta un potenziamento della videosorveglianza