Quantcast
Oltre 150mila euro di incentivi ai manager Asl. Per l'ex direttore Troiano un versamento da 30mila euro - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Le cifre

Oltre 150mila euro di incentivi ai manager Asl. Per l’ex direttore Troiano un versamento da 30mila euro

Oltre 200mila euro. A tanto ammonta il costo totale dei premi di risultato che Asl 5 verserà ai componenti della dirigenza, ai direttori di Distretto e ai membri del collegio sindacale per l’attività svolta nel 2020. Il netto di quanto percepiscono i manager e i revisori sarebbe inferiore di quasi 50mila euro, ma tra gli oneri a carico dell’azienda e il versamento dell’Irap la somma lievita a 216.043 euro. Non proprio bruscolini.

Il calcolo del premio, che non può essere superiore al 20 per cento del compenso ordinario che ogni dirigente percepisce, avviene applicando la percentuale di raggiungimento di obiettivi in area economica, di prevenzione, ospedaliera e distrettuale al 70 per cento dell’incentivo massimo. A questo si aggiunge la percentuale di raggiungimento del rispetto dei tempi dei pagamenti calcolata sul restante 30 per cento del premio. Leggermente diversa la modalità di conteggio per i direttori di Distretto sociosanitario che si vedono applicare la percentuale di raggiungimento degli obiettivi di budget al 70 per cento del compenso aggiuntivo, mentre sul restante 30 si applica la performance individuale.

Nel 2020 Asl 5 ha centrato gli obiettivi ospedalieri e sanitari al 98 per cento, mentre per quanto riguarda i fornitori si è arrivati a un rotondo 100 per cento. Valori che sono stati applicati per tutti i manager premiati.
Guardando le tabelle dei compensi aggiuntivi che Asl si appresta a liquidare in questi giorni a fare la parte del leone in qualità di direttore generale c’è ancora Daniela Troiano, sostituita a inizio 2021 da Paolo Cavagnaro, alla quale andranno la bellezza di 29.535 euro. In totale, tra mensilità e premio di risultato, il 2020 per l’ex numero uno di Via Fazio è valso quasi 180mila euro.
Ne ha portati via solo poco più di 140mila Maria Antonietta Banchero, ormai ex direttore sanitario, che di premio di risultato ha raggranellato 23.628 euro, cifre identiche al centesimo a quelle guadagnate da Maria Alessandra Massei, direttore sociosanitario.
Si scende a 20.608 di compenso aggiuntivo per Antonello Mazzone, direttore amministrativo giunto in riva al golfo solamente a metà febbraio 2020: il calcolo viene infatti effettuato sulla base del periodo di lavoro.
Gli stessi calcoli si attuano, con le dovute proporzioni, anche ai membri del collegio sindacale, che hanno un’indennità annuale di 14.977 euro. Per il presidente Saverio Reggi la cifra è maggiorata per l’incarico apicale a 3.543, mentre per Maria Cordella e Davide Vescovi il compenso aggiuntivo si ferma a 2.953 euro.

Si ritorna a somme più consistenti scorrendo le tabelle che riguardano i premi di risultato per i direttori di Distretto. Più che logico visto che l’annualità dalla quale parte il calcolo del 20 per cento risale a 107.836 euro.
Pierantonio Gadi Defranchi, direttore del Distretto sociosanitario 17 riceverà 21.291 euro, avendo centrato il 99,03 per cento dei risultati di budget e il 98 della performance individuale. Il direttore del Distretto 18, Marco Santilli, riceverà 19.820 euro (100% budget – 73% performance individuale), mentre il consigliere comunale di Cambiamo Enzo Ceragioli, direttore del Distretto 19, ne avrà 21.470 (100% budget – 98,5% performance individuale).

Più informazioni
leggi anche
Ospedale Sant'Andrea
Politica
Battistini: “In ASL5 i risultati latitano ma sono in arrivo premi ai dirigenti per oltre 200mila euro”