LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Circa sei casi al mese in val di magra

Violenza sulle donne, Associazione Vittoria: “Denuncia resta strumento fondamentale”

La presidente Delucchi: "C'è sempre paura del giudizio ma i casi recenti hanno fatto emergere il problema. Il supporto di una rete sociale è importantissimo". Giovedì altra raccolta di generi alimentari per la casa rifugio.

Le volontarie dell'associazione Vittoria

Sono almeno sei al mese le donne che si rivolgono al Centro Antiviolenza “Mai più sola” di Sarzana per denunciare maltrattamenti o atti persecutori. Un numero stabile ma che non la crescita dei contagi di Coronavirus sta portando le vittime a scegliere di contattare direttamente il centro (al numero 3343793354) anziché effettuare l’accesso tramite il Codice Rosa del Pronto Soccorso, salvo la necessità di ricorrere a cure immediate.

Lo ha spiegato la presidente dell’Associazione Vittoria Nea Delucchi nel corso della presentazione odierna del progetto per la protezione e il reinserimento delle donne nel mondo lavorativo realizzato con Confcommercio e Federalberghi, lanciato a pochi giorni dalla giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, a pochi mesi dalla tragedia di Alessandra Piga a Castelnuovo Magra. “Avere delle strutture ‘cuscinetto’ oltre alla casa rifugio è importantissimo – ha spiegato – perché spesso le donne che inseriamo in protezione ci dicono “è la prima volta che dormo serena e sicura”. C’è sempre la paura del giudizio – ha poi sottolineato – spesso c’è il timore di non sentire fiducia anche se i casi di cronaca di violenza e femminicidi a volte stimolano la denuncia facendo emergere il problema. In alcuni casi però gli episodi che si ripetono mandano segnali di “inutilità”, facendo passare il messaggio che denunciare non serve. Sta a tutti noi, non solo realtà impegnate costantemente, far capire che per quanto non sia una soluzione immediata al problema,  la denuncia resta uno strumento fondamentale per avere aiuto. Senza denuncia abbiamo tutti le mani legate”.

Sull’attività dell’associazione Delucchi ha concluso: “Attualmente le volontarie attive nella parte operativa sono 25, 40 in tutto le persone che danno una mano nelle attività che compongono il Centro. Lo scorso weekend abbiamo fatto una prima raccolta alimentare al Centroluna, che ripeteremo giovedì 25, per la casa rifugio e per le donne che sono appena uscite e hanno bisogno di supporto primario. Per questo il sostegno sociale messo in atto da tanti soggetti di questa rete è importantissimo per coprire tutte le necessità”.

Più informazioni
leggi anche
Consiglio comunale Sarzana 21 ottobre 2021
Giovedì a sarzana
Un consiglio comunale straordinario contro la violenza sulle donne
Presentazione progetto per le donne Vittoria-Confcommercio
Verso la giornata contro la violenza di genere
Stanze per le emergenze e percorsi lavorativi, si allarga la rete di solidarietà per le donne vittime di violenza
Associazione Vittoria
La consegna nel giorno dell'epifania
Premio diocesano della solidarietà all’associazione Vittoria
Violenza di genere
Nasce il centro amae
Nasce un centro di riabilitazione per gli uomini maltrattanti
Generico agosto 2022
Corso gratuito
Associazione Vittoria cerca nuove volontarie e operatrici