Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Si alza il sipario

L’Astoria riparte, un cartellone tra riflessione, sentimento e ironia

Sei spettacoli da gennaio ad aprile, tutti i titoli e i protagonisti. In agenda anche le rassegne 'Lerici in palcoscenico', 'Tutti a teatro', l'evento di Natale con Circo galleggiante e il concerto di capodanno con l'Orchestra di fiati Città di Levanto.

Fermata dalla pandemia a metà della stagione 2020, la stagione teatrale dell’Astoria di Lerici si appresta a riaprire il sipario. In cartellone sei spettacoli, da gennaio ad aprile, con titoli e interpreti di pregio. Stamani la presentazione in sala consiliare con Lisa Saisi, consigliera delegata alla Cultura. “Il Teatro Astoria riapre al pubblico con grandi nomi e una programmazione d’eccellenza, per me presentarla è un onore e un’emozione – ha esordito Saisi -. I lericini amano il teatro, segno di fermento culturale, di voglia di quella socialità che da sempre caratterizza il fenomeno teatrale.  Nel cartellone, se non mancheranno temi profondi e seri spunti di riflessione, il fil rouge di questa stagione di prosa sarà l’allegria. Sentimenti e ironia, con riferimenti al teatro dell’assurdo, andranno in scena con la sapienza dei grandi attori protagonisti, strappando al pubblico più di una risata, vitale dopo i mesi difficili che abbiamo alle spalle. Un grazie all’Ufficio Cultura, nella figura di Rachele Del Prete, per il supporto ricevuto, e a Bruna Rolla (a lungo responsabile dell’Astoria, ndr) che anche se in pensione ci ha dato il suo aiuto e calore, con qualche dritta su come procedere. Sono state eccezionali”. Tutto pronto quindi per rialzare il sipario dell’Astoria, tra l’altro reduce da un intervento di manutenzione ai soffitti e in procinto di ricevere altri piccoli ritocchi che non influiranno sullo svolgimento della stagione.

Gli spettacoli

Si parte giovedì 6 gennaio con Il marito invisibile di Edoardo Erba, con Maria Amelia Monti e Marina Massironi: un’esilarante commedia sulla scomparsa della nostra vita di relazione. Le due protagoniste, Fiamma e Lorella, due amiche cinquantenni che non si vedono da tempo, si trovano impegnate in una videochat. Lorella annuncia a sorpresa di essersi sposata, notizia ancora più incredibile quando rivela che il nuovo marito ha una particolarità: è invisibile. Fiamma teme che l’isolamento abbia prodotto danni irreparabili nella mente dell’amica e si propone di aiutarla. La personalissima comicità delle due protagoniste ci guiderà in un viaggio che dà i brividi per quanto scottante e attuale.
Mercoledì 19 gennaio andrà in scena un grande classico: Il malato immaginario di Molière con Emilio Solfrizzi e la regia di Guglielmo Ferro. Il malato immaginario ha più paura di vivere che di morire e il suo rifugiarsi nella malattia non è nient’altro che una fuga dai problemi, dalle prove che l’esistenza ti mette davanti. In questa interpretazione Emilio Solfrizzi restituirà al testo un aspetto molte volte dimenticato: il rifiuto della propria esistenza.
Lunedì 21 febbraio sarà la volta di Fiori d’acciaio di Robert Harling, con Tosca D’Aquino, Rocio Morales, Emanuela Muni, Emy Bergamo e la regia di Michela Andreozzi. Storie di donne, grandi figure femminili che crescono, sbagliano, si confrontano, amano, odiano, combattono e qualche volta muoiono. Un’opera che si sofferma su cosa significhi essere donne e sull’importanza della solidarietà femminile, con un cast ricco e variegato.
Mercoledì 9 marzo in scena Ballantini e Petrolini: un atto unico, tratto dalle opere di Ettore Petrolini, scritto e interpretato da Dario Ballantini con la regia di Massimo Licinio. Con la consueta maniacale ostinazione per il totale camuffamento, l’artista livornese riesce a far rivivere, in una versione più aderente possibile all’originale, sette personaggi creati dal grande comico romano nato a fine ‘800: Gigi Il Bullo, Salamini, la Sonnambula, Amleto, Nerone, Fortunello e Gastone, si ripresentano in scena nel nuovo millennio. Tra un personaggio e l’altro, Ballantini si truccherà a vista, utilizzando una sorta di camerino aperto e recuperando anche i suoi vecchi trucchi teatrali.
Mercoledì 23 marzo un altro grande mattatore del teatro italiano salirà sul palco lericino: Sergio Rubini sarà il protagonista dello spettacolo Ristrutturazione. Ovvero disavventure casalinghe raccontate da Sergio Rubini. Una carrellata di personaggi competenti e incapaci, leali e truffaldini, scansafatiche e operosi fino all’esaltazione si avvicendano nella vita dello sfortunato padrone di casa alle prese con la ristrutturazione della sua casa, stravolgendola senza pietà. E questa vita è ancor più sconvolta se i padroni di casa sono due, un Lui e una Lei, con i loro diversi punti di vista, la loro diversa capacità di resistere all’attacco quotidiano delle truppe corazzate che trasformano il loro “nido” in una casa occupata.
Mercoledì 6 aprile sarà la volta de Il delitto di via dell’Orsina di Eugène Labiche, con Massimo Dapporto, Antonello Fassari, Susanna Marcomeni, Marco Balbi, Andrea Soffiantini, Francesco Brandi, regia e adattamento teatrale di Andrée Ruth Shammah. Un uomo si sveglia e si ritrova uno sconosciuto nel letto; entrambi hanno una gran sete, le mani sporche e le tasche piene di carbone, ma non sanno il perché. Non ricordano niente della notte precedente. Da un giornale apprendono che una giovane carbonaia è morta quella notte e, tra una serie di malintesi ed equivoci, si fa strada la possibilità che i due abbiano commesso questo efferato omicidio. Una situazione paradossale, brillantemente costruita da un gigante della drammaturgia come Eugéne Labiche.

Alla stagione di prosa si affiancherà lo spettacolo di Natale Come se fosse domani. Il circo galleggiante, in scena mercoledì 22 dicembre. Una creazione tra acrobazie aeree, danza, giocoleria, teatro fisico e ricerca, in un continuo dialogo tra l’oggi, il passato e il futuro, come se fosse domani.
Sabato 1 gennaio sarà la volta del tradizionale Concerto di Capodanno, che vedrà quest’anno protagonista l’Orchestra di Fiati della Città di Levanto, diretta dal Maestro Andrea Bracco. Oltre 40 elementi proporranno alcuni dei capolavori più noti dell’indimenticabile Maestro Ennio Morricone, per passare a un repertorio jazz e swing con famosi temi di Duke Ellington e Glenn Miller, arrangiati nello stile delle big band anni ‘40, e arrivare a un medley dei Queen. Saranno ripresi i più famosi brani natalizi di interpreti come George Michael, Mariah Carey, che si affiancheranno a temi tradizionali americani rivisitati in versione jazz. Un intreccio di fiati supportati dalla base ritmica di pianoforte, percussioni e basso elettrico che faranno da contorno agli assoli della chitarra elettrica.
La stagione proseguirà con la rassegna Tutti a teatro: tre appuntamenti, dal 16 gennaio al 13 marzo, con e per le famiglie con l’intento di creare un’esperienza condivisa tra figli e genitori. Fulcro della rassegna saranno “I legami”, da quelli primordiali, nei confronti della madre, a quelli più articolati, con i nonni, fino ad arrivare al legame con i pari e allo scontro generazionale nei confronti della famiglia.
Dal sabato 30 aprile a sabato 8 giugno tornerà la tradizionale rassegna Lerici in palcoscenico: quattro spettacoli a ingresso gratuito, portati in scena da altrettante compagnie lericine.
Il Teatro Astoria è stato recentemente oggetto di importanti interventi di riqualificazione. Nello specifico è stata sostituita l’impermeabilizzazione della copertura, tinteggiati gli interni ed è stata svolta la manutenzione straordinaria della struttura del palco e dei meccanismi teatrali, tra cui il sipario, oltre che degli impianti antincendio e di sicurezza, per un importo complessivo di circa 80.000 euro. Ulteriori 60.000 euro sono stati stanziati per la manutenzione straordinaria della struttura e della pavimentazione dell’arena esterna.

Per info:
Biglietteria del Cinema Teatro Astoria: tel. 0187 952253 oppure 348 5543921;
E-mail: teatroastoria@comune.lerici.sp.it;
Servizio Segreteria – Ufficio Turismo/Cultura/Teatro: tel. 0187 960280.
Il teatro ha capienza cento per cento, necessari mascherina e green pass.

Costi:
Abbonamento – per i sei spettacoli di prosa € 110,00;
I possessori di voucher della stagione teatrale 2019/20 avranno diritto a uno sconto pari alla metà del costo del nuovo abbonamento.
Biglietti singoli spettacoli:
Per gli spettacoli: Il marito invisibile, Il malato immaginario, Fiori d’acciaio, Ristrutturazione, Il delitto di via dell’Orsina posto unico numerato – intero € 25,00 / ridotto € 23,00.
Per lo spettacolo: Ballantini e Petrolini posto unico numerato – intero € 23,00 / ridotto € 20,00.

Orari abbonamenti/biglietteria:
Rinnovo abbonamenti (circa 260 gli abbonati all’ultima stagione, su poco più di 300 posti), con o senza voucher, biglietteria del Teatro Astoria di Lerici: da lunedì 22 a sabato 27 novembre dalle ore 16:00 alle ore 19:00.
Lunedì 29 novembre, dalle ore 16:00 alle ore 19:00, gli abbonati che hanno confermato l’abbonamento potranno modificare il loro posto.

Nuovi abbonamenti:
da martedì 30 novembre a sabato 4 dicembre, dalle ore 16:00 alle ore 19:00, biglietteria del Teatro Astoria.
Da mercoledì 1 dicembre a domenica 26 dicembre negli orari di apertura del cinema.
Per info visitare il sito:
www.ilnuovoastoriagaribaldicinema.it, selezionando il Cinema Astoria di Lerici, oppure tel. 0187 952253.

L’acquisto e il ritiro degli abbonamenti dovranno avvenire entro il 26 dicembre 2021.

Biglietti singoli:
dal 27 dicembre 2021 si possono prenotare o acquistare i biglietti singoli di tutti gli spettacoli della stagione, negli orari di apertura del Cinema e, dal 2 al 5 gennaio 2022, dalle ore 16:00 alle ore 18:00.
Per info visitare il sito:
www.ilnuovoastoriagaribaldicinema.it, selezionando il Cinema Astoria di Lerici, oppure tel. 0187 952253.

La biglietteria del Teatro Astoria nei giorni di spettacolo è aperta dalle ore 17:00.

Rassegna “Lerici in palcoscenico”, ingresso gratuito;
Rassegna “Natale a teatro”, ingresso gratuito su prenotazione: è possibile prenotare per un massimo di 4 persone, inviando un messaggio WhatsApp al 3485543921 dalle 16:00 alle 19:00;
“Concerto di Capodanno”, ingresso gratuito su prenotazione: è possibile prenotare per un massimo di 4 persone, inviando un messaggio WhatsApp al 3485543921 dalle 16:00 alle 19:00;
Rassegna “Tutti a teatro”: adulti biglietto intero € 6,00 / bambini dai 12 ai 15 anni biglietto ridotto € 3,00. Due bambini gratis ogni adulto pagante (offerta valida esclusivamente per bambini al di sotto dei 12 anni).

 

Più informazioni
leggi anche
Napoleone
Gli spettacoli
“Napoleone. Nel nome dell’arte” al Nuovo e Astoria
Lerici, in cinema teatro Astoria
Lavori
Palco, pareti e controsoffitti, Astoria sotto i ferri
Eros Pagni (ph. Masiar Pasquali)
Il 10, 11 e 12 novembre
Lo spezzino Eros Pagni apre la stagione di prosa al Teatro Civico con “La notte dell’Innominato”
Teatro degli Impavidi di Sarzana
Dal 2 novembre in vendita i biglietti singoli
Ultimi giorni per abbonarsi alla stagione teatrale degli Impavidi di Sarzana
L'ex area Vaccari
Dalla primavera 2022
Santo Stefano lancia una rassegna teatrale dedicata alle compagnie amatoriali
Teatrando con la memoria
Sabato pomeriggio
All’Astoria l’evento finale di ‘Teatrando con la Memoria’
Lerici in veste natalizia
Tutto il programma
Un ricco Natale per Lerici: “Ma niente Dj in piazza, non sarebbe opportuno”
I giardini di Lerici
A 700 anni dalla morte del poeta
Un busto di Dante ai giardini di Lerici, alla cerimonia i sindaci di La Turbie e Mougins
Il golfo visto da Lerici
"scambio di eventi e idee"
Lerici, accordo culturale con Mougins e Pietrasanta
Cinema Teatro Astoria
A gennaio il via al cartellone
Sotto i ferri il sipario dell’Astoria
Parco delle mura
Gli appuntamenti
Visite guidate al Parco delle mura, gli Scarti mettono in scena Patroni
Cimento di Tellaro, foto da Facebook
Come da tradizione
Tellaro, tuffo ghiacciato per salutare l’anno nuovo
Maria Amelia Monti e Marina Massironi all'Astoria con Il marito invisibile di Edoardo Erba
Il marito invisibile
Si alza il sipario sulla stagione di prosa dell’Astoria
Cinema Teatro Astoria
Lerici
Problema all’impianto rivelazione fumi dell’Astoria, Palazzo civico autorizza il prelievo di 12mila euro dal fondo di riserva