Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
L'eco boat protagonista del contest “circular ports”

Il liceo Mazzini progetta una barca crocieristica “spazzino” per l’ambiente, il turismo e vince un premio

L'imbarcazione immaginata dai ragazzi ha motore eco-sostenibile, capace di trasportare 12 passeggeri più l’equipaggio e dotata di un meccanismo simile a quello delle reti da pesca, in grado di svolgere una duplice funzione: ripulire il mare dai rifiuti in plastica e trasportare turisti in minicrociere all’interno del Golfo dei Poeti.

Una barca spazzino… spezzina. E’ l’idea vincente nata dalla VA del Liceo Mazzini della Spezia che si è aggiudicata il primo premio del Contest “Circular Ports”, che si propone di contribuire alla diffusione dell’economia circolare, valorizzando idee e progetti sostenibili. Il concorso è sostenuto dal Fondo europeo di Sviluppo Regionale, con la collaborazione delle Camere di Commercio liguri, toscane e francesi e di altri enti. 

La comunicazione ufficiale è stata pubblicata sul sito della scuola dove si legge: “Gli studenti hanno individuato nella preoccupante presenza di rifiuti di plastica nel mare il problema da risolvere urgentemente, per preservare una risorsa essenziale e una fonte di vita insostituibile.  Eco Boat è un’imbarcazione con motore eco-sostenibile, capace di trasportare 12 passeggeri più l’equipaggio e dotata di un meccanismo simile a quello delle reti da pesca, in grado di svolgere una duplice funzione: ripulire il mare dai rifiuti in plastica e trasportare turisti in minicrociere all’interno del Golfo dei Poeti”.

“L’idea imprenditoriale, attentamente elaborata dal gruppo classe, riesce a coniugare due aspetti che spesso, erroneamente, sono ritenuti in contrasto tra loro: sviluppo turistico e tutela dell’ambiente – prosegue la nota della scuola -. Eco boat, la barca spazzino, propone infatti un’attività croceristica a basso impatto, rispettosa del fragile equilibrio dell’ecosistema marino  e costiero e nello stesso tempo creatrice di valore: trasportando gruppi di turisti e scolaresche, e raccogliendo oggetti di plastica gettati in mare, il progetto degli studenti crea un circolo virtuoso tra educazione ambientale, sostenibilità e turismo“.

“L’evento di premiazione – conclude la nota – si è svolto il 26 ottobre scorso, all’interno di un convegno online sull’economia circolare, durante il quale i portavoce del gruppo classe hanno illustrato il progetto in tutti i suoi aspetti, sottolineando il risparmio energetico e la notevole riduzione di scarti e perdite”.

Più informazioni
leggi anche
Cane in spiaggia
L'altra idea: intercettare il canale delle mostre canine
Turismo e amici a quattro zampe, il Comune studia il marchio di qualità per le strutture che accolgono gli animali
L'entrata del liceo scientifico "Pacinotti"
Fondazione agnelli
Scuole superiori spezzine, università e lavoro: le ‘pagelle’ di Eduscopio
Via Chiodo amarcord
Cinque bandi da tremila euro
Finanziato il premio “La Spezia. Dalle origini alla rifondazione ottocentesca” riservato agli studenti liceali
Asti e Bellani con gli studenti
30 lavori
“Notte dei Licei”, al Mazzini un’opera condivisa realizzata dagli studenti e dal maestro Pietro Bellani