Quantcast
Insidia cecidomia per gli oliveti lunigianesi, l'Unione chiede il rilascio di antagonisti naturali - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Insetto

Insidia cecidomia per gli oliveti lunigianesi, l’Unione chiede il rilascio di antagonisti naturali

Il presidente Roberto Valettini, sindaco di Aulla: "Più il tempo passa e più aumentano i danni, è giunto il momento di intervenire in modo veloce e definitivo".

Olivo

“Abbiamo bisogno di un intervento immediato e mirato per quanto riguarda i nostri oliveti, quest’infestazione si sta allargando a macchia d’olio, e tante sono le segnalazioni che il nostro ente ha ricevuto da parte degli agricoltori, per questo ho interpellato l’assessore regionale all’Agricoltura Stefania Saccardi affinché intervenga il prima possibile con i suoi tecnici per sanare questa situazione che sta incidendo molto sulla produzione dell’olio. Più il tempo passa e più aumentano i danni. E’ giunto il momento di intervenire in modo veloce e definitivo”. Lo afferma in una nota Roberto Valettini, presidente dell’Unione di Comuni Montana Lunigiana e sindaco di Aulla. Il tema è la cecidomia o dasineura olae, che sta attaccando gli oliveti di alcune zone della Lunigiana. “Un insetto distribuito in tutta l’area mediterranea – si spiega nella nota dell’Unione – che da sempre è considerato da tecnici e olivocoltori poco pericoloso per la salute degli ulivi. Ma, in realtà, da qualche anno, sono state segnalate rilevanti infestazioni in alcune regioni italiane, come la Toscana e, precisamente, nella provincia di Massa Carrara e Lunigiana, dove, a partire dal 2014, in alcune zone ha raggiunto livelli preoccupanti d’infestazione. La cecidomia ha come unico ospite l’olivo, e in forma di larva penetra nelle foglie dove resta fino al completamento del suo sviluppo. Nei casi di infestazione grave la pianta può andare incontro a defoliazione e successive probabili conseguenze negative sulla produzione, senza tenere
conto che i fori d’uscita dell’insetto adulto aprono le porte a possibili infezioni da rogna dell’olivo. I principali nemici naturali della cecidomia appartengono all’ordine degli imenotteri, e sono circa 17 specie. L’alto livello di parassitizzazione può salvare gli olivi della Lunigiana. Per questo l’Unione di Comuni ha chiesto alla Regione di intervenire con il rilascio di antagonisti naturali della cecidomia, affinché il fenomeno possa essere finalmente arginato”.

Più informazioni
leggi anche
Colline di Luni
Luni
Tempo di olive, al via le pulizie della strada forestale retrostante la collina di Nicola
Vallata di Legnaro
24 ottobre
Camminata tra gli olivi, a Legnaro la visita ad un’antica casa ligure vista mare
Oliveto
Alterazioni
Patologie olivo, questionario inviato ai coltivatori
Produzione di olio
"condividiamo preoccupazione unione comuni"
Lunigiana, allarme Coldiretti: “Fino al 70 per cento di olio in meno”