Quantcast
Un carico di carbone per la centrale Enel pronta a riaccendersi - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Si torna a produrre

Un carico di carbone per la centrale Enel pronta a riaccendersi

Il cargo "Ambra" è arrivato in porto all'alba per rifornire il sito produttivo di Vallegrande. Lo scenario mondiale spinge una frenetica ricerca di fonti fossili. Un mese fa si traguardava allo spegnimento definitivo al 31 dicembre 2021.

Terminal carbone

Si chiama Ambra il cargo che ha attraccato al molo Enel questa mattina attorno alle 6. Porta un carico di carbone in arrivo da Tarragona, grande scalo di passaggio per il combustibile fossile meno amato dagli spezzini. Andrà nei prossimi giorni a sostenere la produzione della centrale termoelettrica Eugenio Montale, che si prepara a emettere il suo caratteristico pennacchio di fumo. Riaccende dunque in questa fase il gruppo a carbone a Vallegrande, così come molte altre centrali a carbone in Italia. In tutto capaci di una produzione di circa 7.980 MW che il sistema elettrico reclama in questo periodo di rincari delle materie prime.

Un tempismo che non è proprio una novità a dire il vero. Due anni fa, e sempre in questo periodo di uscita dalla stagione estiva, era stato lo spegnimento forzato di una centrale nucleare nel Sud della Francia, a causa di un forte terremoto che aveva fatto scattare i blocchi di sicurezza. Chi si augura lo spegnimento definitivo del grande polo produttivo spezzino è salito su una specie di ottovolante nelle ultime settimane. Solo un mese fa, anticipazioni di stampa indicavano un breve vita ai bruciatori che da sessant’anni sbuffano nel levante cittadino. Oggi lo scenario appare invece più incerto.

La ripresa economica spinge la richiesta di energia in tutto il mondo. L’Europa vorrebbe produrla soprattutto con il metano, considerato più in linea con gli obiettivi di decarbonizzazione che si è dato. Il fatto è che la Russia di Putin, da cui il Vecchio Continente compra abitualmente, preferisce invece cederlo ai giganti asiatici. Motivi strategici ed economici, dicono gli analisti di politica internazionale, che si riflette sul costo delle materie prime. Carbone compreso, passato da 50 dollari alla tonnellata di inizio 2020 ai 24o dollari (Forex) di questa mattina. Alla vigilia di COP26, una farfalla batte le ali a Pechino e alla Spezia si riaccende la centrale.

Più informazioni
leggi anche
Fumo dalla ciminiera della centrale Enel
Di nuovo in servizio
Mercato dell’energia in subbuglio: Enel riaccende il gruppo a carbone
L'area della centrale Enel
"la giunta si è arresa all'esistente"
“Enel riprende a bruciare carbone, Spezia senza voce né progetti da quattro anni”
La centrale Enel "Eugenio Montale"
Capacity market
Proroga di 4 mesi per l’iter di autorizzazione dell’impianto a turbogas
L'area della centrale Enel
Il futuro dell'area
Enel, i Dem Garibaldi e Natale: “Sosteniamo con forza richiesta di ulteriore passaggio in consiglio”
Manuela Gagliardi
L'intervento della deputata
Enel, Gagliardi (CI): “Parere Regione non vincolante, governo ascolti territorio”
La centrale Enel "Eugenio Montale"
A un mese e mezzo dal phase out
Centrale Enel, troppe incertezze sul futuro: dal 22 novembre scatta lo sciopero
Roberto Cingolani
Gli scenari
Enel, il ministro Cingolani: “Transizione senza il gas? Non è il momento per voli pindarici”. Terna: “Rischi di tenuta del sistema”