Quantcast
Ha preso il via il secondo ciclo di “Sanctuaria”: alla scoperta delle chiese antiche - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Secondo ciclo

Ha preso il via il secondo ciclo di “Sanctuaria”: alla scoperta delle chiese antiche

San Bartolomeo di Pitelli

Ha preso il via ieri alla Spezia il secondo ciclo di “Sanctuaria”, l’iniziativa di visite guidate “lungo le antiche strade: luoghi della devozione tra natura, arte e storia”. L’iniziativa è volta alla conoscenza di alcuni dei luoghi di culto più cari alla popolazione nel territorio del capoluogo ed è curata dai servizi culturali del Comune, sulla base di un’idea del consigliere Marco Tarabugi. Ieri un bel gruppo di persone ha così visitato la chiesa storica di San Bartolomeo, nella borgata di Pitelli. L’obiettivo, certamente apprezzabile, è quello di valorizzare un vasto patrimonio da conoscere e da apprezzare. Si tratta infatti di edifici sacri che caratterizzano i dintorni del centro cittadino, spesso in corrispondenza del passaggio della antica viabilità pedonale. Le visite, che si svolgeranno tutti i sabati sino al mese di novembre, faranno tappa, nelle prossime settimane. a San Vito di Marola, Sant’Andrea di Fabiano, San Martino di Biassa e infine a San Michele vecchio a Pegazzano. Nel primo ciclo, svoltosi in primavera, erano state invece visitate la pieve di San Venerio e le chiese San Giacomo di Isola, Sant’Anna di Sommovigo, Madonna dell’Olmo e Madonna dell’Acquasanta. Le visite si svolgono a cura delle guide dell’associazione Guide Turistiche Liguria, sezione della Spezia: ai partecipanti viene fornita una piccola brochure con relativa cartina utile a collocare topograficamente le chiese e a darne informazioni storiche ed artistiche, con testi di Andrea Marmori e di Giacomo Paolicchi. La partecipazione è gratuita, con prenotazione telefonica obbligatoria al numero del Museo “Lia” (telefono 0187.727220) dal martedì al venerdì dalle 10 alle 18. In base alle disposizioni di sicurezza vigenti, le visite saranno rivolte ad un numero limitato di iscritti, con la scelta di un orario tra mattino e pomeriggio, sino ad esaurimento dei posti disponibili