Quantcast
Nuova giunta Santo Stefano, Rifondazione: "Restiamo in maggioranza affinché il programma venga realizzato" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
La reazione

Nuova giunta Santo Stefano, Rifondazione: “Restiamo in maggioranza affinché il programma venga realizzato”

L'avvertimento: "Vigileremo in consiglio comunale sul rispetto degli accordi programmatici per il bene del paese, affinché le grandi aspettative degli elettori non vadano deluse".   

Paola Sisti e la lista Santo Stefano Bene Comune
“Per l’intera campagna elettorale di Santo Stefano Magra si è data centralità all’alleanza di centrosinistra, composta da Rifondazione Comunista, Lista Sansa, Articolo 1, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Un’alleanza fondamentale per ricevere una fiducia ampia degli elettori e vincere in un comune caratterizzato da forti radici di sinistra, concetto ribadito più volta dalla candidata sindaco e dal suo partito, il Pd. Peccato che la stessa sindaca Sisti, una volta raggiunto il traguardo, abbia preferito scegliere una composizione di giunta monocolore (più elementi civici) spostando l’asse verso un centro moderato, in dissonanza dalle aspettative di buona parte dell’elettorato. Per questo riteniamo che l’aver rifiutato un ruolo istituzionale come quello del presidente del consiglio comunale, contrapponendo la richiesta di entrata in giunta per la compagna Eva Battistini, l‘unica eletta tra le forze politiche a sinistra del Partito Democratico, sia stato più che legittimo”.
La federazione provinciale di Rifondazione Comunista non ha preso bene le scelte della sindaca rieletta e lo spiega in una nota: “Rifondazione non ha chiesto niente prima del voto, credendo corretto valutare le preferenze dei cittadini, che si sono espressi chiaramente a favore della nostra candidata. Aggiungiamo che la nostra presenza nella lista ‘Paola Sisti Sindaco – Santo Stefano Bene Comune’ non era per nulla scontata, ed è stata possibile grazie ad un accordo puramente programmatico”. Non c’è volontà di abbandonare, almeno stando alle parole di Via Lunigiana: “Rifondazione rimarrà nella maggioranza proprio in virtù di questo accordo unitario, con lealtà e spirito collaborativo, per raggiungere gli obiettivi comuni scritti tutti insieme, specialmente i più spinosi: proseguire la battaglia contro il biodigestore a Saliceti incentivando le buone pratiche per la diminuzione di rifiuti e poi migliorare la viabilità, sottolineando a chiare lettere come il ponte Ceparana – Santo Stefano rappresenti un’ulteriore criticità per il territorio. Se il cronoprogramma del progetto dovesse far emergere nuove criticità, non mancheremo di richiedere di percorrere soluzioni alternative, come ad esempio la realizzazione di un casello autostradale a Ceparana. Vigileremo in consiglio comunale sul rispetto degli accordi programmatici per il bene di Santo Stefano, affinché le grandi aspettative degli elettori non vadano deluse”.
leggi anche
Moreno Veschi
Politica
Santo Stefano, Veschi (Articolo Uno): “Chiesta riunione di coalizione prima di formazione giunta, non c’è stata”
L'intervento di Eva Battistini in consiglio comunale
Ecco assessori e deleghe
Malumore in maggioranza: “Regole buona politica avrebbero dovuto portare a riconoscimento ruolo di governo”