Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
"vanno attuate nuove forme di protezione"

Cinghiali a Riomaggiore, il Comune: “Il Parco è informato ma il tema è nazionale e va risolto”

L'amministrazione: "Va definito un piano straordinario. Dobbiamo concludere il progetto di recinzione della parte alta, con implementazione del pastore elettrico esistente, che deve essere costantemente manutenuto, e attivare lo studio di nuove forme di protezione"

Cinghiali "al pascolo" in Via Matana, a Marola
“In merito al problema dei cinghiali, presenti ormai anche nel centro abitato, si informa la cittadinanza che le segnalazioni pervenute sono state girate all’Ente Parco ed è stato richiesto un incontro urgente, al fine di definire un piano straordinario di intervento”. E’ quanto sottolinea il Comune di Riomaggiore, alle Cinque Terre, dove da settimane la presenza degli ungulati per le vie del borgo sembra essere diventata una costante.
Dai social l’amministrazione comunale sottolinea: “Su questo tema è necessario agire in fretta, partendo dal piano di monitoraggio predisposto dal Parco (da implementare con lo studio dei caprioli) e strutturando un piano di interventi di selezione mirati, in grado di superare le problematiche burocratiche attuali. Dobbiamo concludere il progetto di recinzione della parte alta, con implementazione del pastore elettrico esistente, che deve essere costantemente manutenuto, e attivare lo studio di nuove forme di protezione”.
“Il problema cinghiali è diventato un tema strategico da discutere a livello nazionale – conclude il Comune -, in quanto sta mettendo seriamente a rischio il delicato equilibrio tra uomo e natura che caratterizza il nostro Parco e il nostro territorio. Ci faremo portavoce di queste istanze, pretendendo soluzioni rapide ed efficaci”.
Più informazioni
leggi anche
Cinghiali, l'iniziativa Cia a Varese Ligure
Varese ligure
Cinghiali, Cia: “Gestione venatoria è insufficiente, servono giusti rimborsi e tutela per il lavoro”