Quantcast
Turismo, Caratozzolo: "Che fine ha fatto il Tavolo tecnico di avvicinamento al Ttg di Rimini?" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Interpellanza

Turismo, Caratozzolo: “Che fine ha fatto il Tavolo tecnico di avvicinamento al Ttg di Rimini?”

Massimo Baldino Caratozzolo

“C’è qualcosa che non torna nelle scelte del Comune della Spezia a sostegno delle politiche e degli operatori del turismo. Ve lo ricordate il Tavolo tecnico con le associazioni, mandato a gambe all’aria dall’azione scoordinata dell’assessore Frijia con la rinuncia a parteciparvi da parte dei rappresentanti degli operatori di cui più volte, prima e dopo l’estate, Peracchini ha provato senza riuscirvi a fare una ricucitura? Ebbene, che fine ha fatto il Tavolo e con quali operatori spezzini l’assessore Frijia ha portato il Comune della Spezia al Ttg che si svolge in questo fine settimana a Rimini?”. Sono queste le domande oggetto di un’interpellanza che il consigliere comunale di Forza Italia Massimo Baldino Caratozzolo presenterà all’amministrazione chiedendo di sapere “quali somme sono state investite per pagare consulenti e partecipare a fiere e quale sia il prodotto turistico spezzino di cui l’amministrazione ha dato nota attraverso comunicati stampa”.
“Spero che l’assessore non vada a Rimini a distribuire volantini e piantine quasi fosse a reclamizzare un trattamento terapeutico perché il turismo da tempo si muove con leve ben diverse – incalza il consigliere di Forza Italia – soprattutto si favorisce la creazione di agende d’incontri tra gli operatori invece di inviare simpatici questionari che somigliano tanto a quelli inviati per realizzare la nuova Piazza del mercato deludendo poi tutti coloro che avevano dato risposta. Il turismo è certamente una ricchezza le cui ricadute sulla città l’amministrazione crede che si esauriscano con l’incasso della tassa di soggiorno. Ovviamente tutto ciò è profondamente errato. Per questo sarebbe utile – conclude Caratozzolo – portare alle fiere gli operatori sostenendone le spese e non andare come Comune a fare le belle statuine”.