Quantcast
"Un grande progetto unitario per la riqualificazione e la bonifica del territorio" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cinque punti

“Un grande progetto unitario per la riqualificazione e la bonifica del territorio”

Intervento dell'ex presidente del Parco del Magra, Pietro Tedeschi.

Pietro Tedeschi

L’ intervento del presidente Toti agli Stati generali delle Cinque Terre svoltisi a Lerici, mi permette di sottolineare la necessità di un grande progetto unitario per la riqualificazione e la bonifica del territorio. Premesso che non è con proposte o promesse in ordine sparso che si fa programmazione, ma solo elemosine pre elettorali, credo sia giunto il momento di una visione d’insieme ed una progettazione di area vasta oramai non più rinviabile.
Cerco di sintetizzare le future realtà ed i necessari interventi:
1. manutenzione dei fiumi e garanzia delle acque per la sicurezza del territorio.
2. Bonifica e riqualificazione della Val di Magra.
3. Gestione innovativa delle aree dismesse o da dismettere (area Ip, Enel)
4. Ridisegnare le aree necessarie alla difesa.
5. Spostamento Snam per la sicurezza del territorio
Ritengo essere questi i punti qualificanti per poter migliorare e sviluppare una politica comune ambientale ed economica , puntando anche su quel tanto di recupero dal punto di vista storico e culturale, su questi punti i parchi territoriali potrebbero svolgere un grande ruolo di coesione e progettualità.
In questo modo si può attivare quel necessario volano che il presidente Toti ha rappresentato con l’effetto polvere di stelle, altrimenti continueremo con l’avanspettacolo della politica più vicino al “ma don vai se la banana non ce l’hai” di sordiana memoria.

Pietro Tedeschi, ex presidente del Parco di Montemarcello, Magra e Vara

 

leggi anche
Giovanni Toti
Sviluppo sostenibile
Stati generali del Parco delle Cinque Terre, Toti: “Aumentiamo la qualità dell’offerta”
Stati generali delle Cinque Terre. Il tavolo sui flussi di mare
Il report
“La mobilità elettrica sul mare è il futuro ma bisogna renderla sostenibile”