Quantcast
Oss, Asl lancia il bando per titoli a tempo determinato. Intanto Regione e sindacati ragionano sul ricollocamento - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Passi avanti

Oss, Asl lancia il bando per titoli a tempo determinato. Intanto Regione e sindacati ragionano sul ricollocamento

I reparti dell'ospedale Sant'Andrea

Una settimana decisiva, quella compresa tra oggi e mercoledì prossimo, per gli Oss di Coopservice e gli aspiranti Oss di Asl 5. Oggi pomeriggio, infatti, si è svolta la prima riunione del Tavolo regionale per la ricollocazione di quanti, tra i dipendenti della cooperativa, non hanno superato la prova scritta, mentre è atteso per il 6 ottobre il pronunciamento del Tar sul destino del concorso. In pochi giorni, dunque, si dovrebbero diradare le nebbie dell’incertezza che ammantano tutta la vicenda da tempo.
Ovviamente il momento clou sarà quello di mercoledì prossimo, quando si saprà se i giudici amministrativi avranno scelto la strada della sospensiva, se emetteranno sentenza e, ancora, se e quali ricorsi saranno accolti.
Ed è proprio sulla base di questa residua incertezza che, d’accordo con i sindacati, la Asl 5 ha deciso di mettere le mani avanti predisponendo un nuovo concorso, questa volta a tempo determinato e per soli titoli, che consenta la creazione di una graduatoria con 159 posizioni dalla quale attingere nel caso in cui la situazione non si sia definita positivamente entro il 31 dicembre prossimo, ultimo giorno di proroga dell’appalto multiservizi in vigore. È di pochi giorni fa la firma della direzione generale aziendale al completo sulla determina che dà il “la” all’indizione della procedura di avviso pubblico.
Asl 5, rilevato che il Tar non ha concesso la sospensione cautelare del concorso, sta procedendo allo svolgimento delle prove orali, che termineranno il 19 ottobre. Ma “pur in assenza di sospensiva del procedimento concorsuale che quindi procede in via ordinaria, è assolutamente necessario e urgente attivare altra forma di reclutamento a tempo determinato, nella modalità più semplice e veloce possibile quale l’avviso pubblico per soli titoli, per avere a disposizione in tempi rapidi e comunque entro il 31/12/2021 una graduatoria dalla quale attingere nel caso che in questi mesi ci siano sviluppi negativi della procedura giudiziaria in corso e in attesa dei suoi esiti che saranno comunque soggetti a tempistiche lunghe e non prevedibili”, illustra Asl nell’atto in questione. Con un concorso a titoli gli Oss di Coopservice dovrebbero trovare maglie ben più larghe attraverso le quali fare il proprio ingresso nella graduatoria, ma si tratta di considerazioni che, come impone l’intera vicenda, restano sul piano teorico.

Pertanto è assolutamente il caso di tenere in considerazione qualsiasi opportunità, dalla cancellazione del concorso dei mesi scorsi al respingimento dei ricorsi. Nella peggiore delle ipotesi per gli Oss di Coopservice, cioè se il percorso del concorso proseguisse, sarebbero molti, circa 110 i lavoratori e le lavoratrici che rimarrebbero senza lavoro, non avendo superato le prove d’esame. È per questo motivo che i sindacati hanno chiesto sin da subito la possibilità di predisporre una struttura che funga da paracadute aiutando nella ricollocazione di chi ha perso il posto a favore dei nuovi assunti da Asl. Il primo incontro tra le sigle e gli organismi regionali, come detto, si è svolto oggi a Genova ed è stato utile per tracciare il metodo di lavoro e per stendere una scaletta delle prossime azioni da intraprendere.
Di fronte a Francesco Quaglia, dirigente sanitario regionale, e a due funzionari competenti in formazione e Centri per l’impiego, si sono seduti Luca Comiti e Roberto Palomba per la Cgil, Antonio Carro e Mirko Talamone per la Cisl, Marco Furletti e Alfonso Pittaluga per la Uil e Luciana Tartarelli per Fials.
Gli esponenti della Regione hanno proposto di realizzare attraverso i Centri per l’impiego una mappatura delle competenze dei lavoratori che chiederanno di essere ricollocati. Nel contempo si procederà a un censimento dei fabbisogni occupazioni nelle strutture sanitarie private e convenzionate extraospedaliere all’interno delle quali potrebbero trovare nuova occupazione gli Oss. Un metodo che ha trovato l’apprezzamento delle sigle sindacali, che saranno convocate nuovamente a Genova entro il 20 ottobre.

Più informazioni
leggi anche
Oss Coopservice
Le date cruciali
Oss, le date cruciali e le soluzioni in campo
Oss
"tema complesso"
Oss, Sindacati: “No a fughe in avanti, tutto sul tavolo della Regione”
Oss spezzini di Coopservice a Genova in sciopero
Tavolo regionale
Oss, i sindacati: “Il tempo corre, serve mappatura per ricollocazione”
Tribunale di Genova
Più di 100 ricorrenti
Concorso Oss e Tar: prima udienza, non c’è la sospensiva. Decisioni rinviate
Oss
Nuova udienza nel 2022
Oss tra concorso e ricorso: il Tar giudica le argomentazioni dei ricorrenti meritevoli di tutela