Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Riprese concluse

Tra Biassa e Lerici, i ciak di “Al di là del mare” fanno tornare lo Spezzino al secondo dopo guerra

Al di là del mare racconta del rapporto tra un un nipote e un nonno, interpretato dal grande attore spezzino Eros Pagni.

Eros Pagni sul set di "Al di là del mare"

Sono terminate le riprese del film “Al di là del mare” per la regia di CarloAlberto Biazzi che è stato girato in varie location dell’estremo levante ligure. Una settimana intensa, in cui la produzione Remor Film ha colorato lo Spezzino di una storia del dopoguerra. Una vicenda toccante, quella del piccolo Nicola, un bambino che perde il padre e che conosce il mondo solo attraverso le favole del nonno. L’ambientazione è quella del secondo dopoguerra, tra chi resta, vivendo di quello che danno la terra e il mare, e chi, più giovane, se ne va, cercando fortuna oltremare. “E’ stato emozionante dirigere questo film – dice Biazzi. “Ho cercato nei volti degli attori la veridicità del passato dei nostri antenati, che insegnano a capire chi eravamo”. Il film è stato girato nello spezzino tra Biassa, i boschi del Telegrafo e Lerici, più qualche ciak in Toscana.

La determinazione non manca a Biazzi, così come la voglia di raccontare belle storie. “Al di là del mare racconta del rapporto tra un nonno e un nipote. Il nonno fa conoscere al ragazzino il mondo attraverso le fiabe, nel 1946. La sceneggiatura è scritta dal regista insieme a Sergio Pierattini, la fotografia affidata a Ugo Menegatti e i costumi a Enrica Biscossi, che ha curato gli abiti alla prestigiosa sartoria cine-teatrale Annamode di Roma”. A interpretare il nonno è il grande attore, spezzino di nascita, Eros Pagni che ha accettato l’invito a vestire i panni dell’anziano protagonista del film, tornando di fatto a casa sua. Al suo fianco il piccolo spezzino Gabriele Casavecchia. “Nel cast anche Serena Grandi, il cui personaggio sarà una vera sorpresa”. Oltre a Pagni e alla Grandi anche Marco Iannone, Rossella Pugliese, Claudia Scaravonati e Gabriele Casavecchia. Il film è dedicato alla memoria Francesco Freda, grande truccatore cinematografico e amico del regista.

leggi anche
Il golfo visto da Lerici
Cultura e spettacolo
Trekking, musica e natura per il fine settimana di Lerici