Quantcast
"Scuole, tanti soldi spesi ma mancano visione, programmazione e dialogo" - Citta della Spezia
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Dall'opposizione

“Scuole, tanti soldi spesi ma mancano visione, programmazione e dialogo”

Il gruppo Siamo il Golfo dei poeti: "Sbagliato trasferire alla Augenti uffici comunali, che non sono aperti al pubblico perché privi di agibilità per errori progettuali. Medie di San Terenzo chiuse da tre anni senza che siano partiti i lavori".

La ex scuola Augenti, ora sede dell'Urbanistica

“Abbiamo sempre cercato di contrastare la scelta dell’amministrazione comunale di togliere la scuola dell’infanzia dalla sede storica di Villa Augenti e continuiamo ad esserne convinti. Lo spostamento non rispetta in alcun modo le volontà testamentarie; approcciare il sistema educativo in un luogo bello ha un alto valore pedagogico; le ingentissime somme spese per la ristrutturazione dell’edificio lo avrebbero potuto rendere idoneo all’uso mantenendo la funzione di scuola”. Lo si legge nella nota diffusa dal gruppo lericino di opposizione Siamo il Golfo dei poeti. “L’attuale cortile destinato all’infanzia – prosegue la nota del gruppo, formato dai consiglieri Vara, Nebbia Colomba e Ratti – è ora un cantiere in colpevole ritardo che impedirà per parecchio il suo uso ma anche quando verrà terminato sarà comunque un luogo in ombra circondato da parcheggi e condomini, un luogo triste che i nostri bambini non si meritano. In compenso gli uffici in via General Ferrari, attualmente non aperti al pubblico e, a quanto ci risulta, neanche ai tecnici, in quanto sprovvisti di agibilità per errori progettuali, comporteranno sempre gravi disagi ai cittadini e ai professionisti che ne devono usufruire, per la collocazione decentrata e la mancanza di parcheggi ed essendo, peraltro, collocati un una ZTL attiva tutto l’anno; disagi che si rifletteranno anche sui residenti della zona”.

“Denunciamo anche con forza che le scuole medie di San Terenzo sono chiuse da tre anni senza che siano stati avviati i lavori, che sono tutt’ora in parziale fase solo di progettazione, con gli alunni costretti all’accorpamento con Lerici e ai disagi che ne conseguono. Il tutto con scarse o inesistenti comunicazioni con le famiglie, a cui non è stata sottoposta alcuna progettazione e a cui spesso sono state date notizie approssimative o fuorvianti. A tutt’oggi la situazione è questa ed è sotto gli occhi di tutti, basta guardare il caos che si verifica al momento dell’ingresso a scuola, in barba a ogni necessità di distanziamento. Ci appare evidente come, nonostante la notevole quantità di denaro speso, manchi totalmente la visione necessaria per un sistema educativo di eccellenza, la necessaria programmazione dei lavori per evitare gravi disagi e un metodo di confronto e dialogo che veda i cittadini protagonisti”, conclude la nota.

leggi anche
La ex scuola Augenti, ora sede dell'Urbanistica
L'ordinanza
Lerici, Urbanistica chiusa al pubblico fino al 26 settembre
L'area esterna delle scuole Poggi di Lerici
Per la cochrane ristrutturazione totale
Pini a rischio crollo, alla Poggi arrivano gli olivi