Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
L'anticipazione del sole 24 ore

Alla fine sarà Terna a spegnere il carbone di Enel

Il gestore della rete elettrica nazionale sarebbe in procinto di dare il via libera alla chiusura della centrale spezzina, secondo alcune anticipazioni di stampa. La partita del turbogas rimarrebbe aperta, ma il combustibile fossile sarebbe ormai nel passato.

Centrale Enel

Turbogas o meno, i gruppi a carbone della centrale Enel della Spezia non saranno più riaccesi dopo il 31 dicembre 2021. L’anticipazione è del Sole 24 Ore, che oggi rivela l’indirizzo che sarà ufficialmente portato all’attenzione del Ministero per la transizione ecologica retto da Roberto Cingolani. Un parere che arriva da Terna, il gestore della rete elettrica nazionale. L’azienda che deve far “tornare i conti” dell’elettricità a disposizione del Paese, mettendolo nella condizione di non andare in affanno durante i picchi di richiesta e di rispondere alla domanda eventualmente in arrivo dall’estero.

Ebbene, secondo il Sole, proprio Terna avrebbe concluso che dei 600 MW prodotti con il combustibile fossile nel sito di Vallegrande si può fare a meno a partire dal 1° gennaio 2022. E questo indipendentemente dall’arrivo delle autorizzazioni a sostituire la vecchia centrale impiantata negli anni Sessanta con una nuova a turbogas. Un parere che supererebbe, e di fatto andrebbe in direzione opposta, rispetto a quello espresso qualche mese fa, che aveva spinto il Ministero dello sviluppo economico a bloccare la dismissione della centrale spezzina.

Il rischio di impoverire il potenziale produttivo di elettricità sarebbe cessato e Terna, secondo le indiscrezioni del quotidiano di Confindustria, avrebbe garantito l’approvvigionamento al Nord Ovest “ricalibrando nodi e carichi della rete”. La corrente accensione del gruppo a carbone, le cui operazioni sono iniziate ieri, sarebbe dunque l’ultima della lunga vita del polo industriale di Melara. Questo non esclude chiaramente che Enel partecipi in futuro alla gara per il capacity market 2024 con un nuovo progetto di centrale a turbogas alla Spezia, mentre la gara precedente è in scadenza a fine ottobre. Ma intanto, se le anticipazioni di oggi trovassero conferma, tutto avverrebbe con il carbone ormai declinato solo al passato.

Più informazioni
leggi anche
Fumo dalla ciminiera della centrale Enel
Di nuovo in servizio
Mercato dell’energia in subbuglio: Enel riaccende il gruppo a carbone
Centrale Enel, i vecchi serbatoi dell'olio combustibile
Procedura di via
Enel, ok al gas da parte dell’Iss. Provvedimento alla firma del ministro
La centrale Enel "Eugenio Montale"
Capacity market
Proroga di 4 mesi per l’iter di autorizzazione dell’impianto a turbogas
Il sindaco Peracchini all'assemblea elettiva di Cna
Il sindaco
Enel, Peracchini: “Addio al carbone è primo passo, resta la sfida del turbogas”
Centrale ENEL e zona industriale
Le voci delle opposizioni
Avantinsieme: “Nell’area si portino attività all’avanguardia”. Articolo uno: “Peracchini non c’entra niente con lo stop al carbone”