Quantcast
Da Piazza Cavour i soldi per il Parco delle Clarisse e i portici di Via Veneto - Citta della Spezia
Piano delle opere 2021/2023

Da Piazza Cavour i soldi per il Parco delle Clarisse e i portici di Via Veneto

Con il risparmio previsto con la nuova progettazione dell'area del mercato verranno finanziati i due progetti, tra il 2021 e il 2022. La rinuncia al parcheggio tra Via Colombo e Via de' Nobili pagherà i lavori alla scuola dell'infanzia di Via Puccini e il rifacimento completo dei campi da tennis al Montagna.

La copertura di Piazza Cavour

E’ tempo di revisioni e aggiornamenti per il Piano triennale delle opere 2021/2023, il documento all’interno del quale l’amministrazione comunale inserisce, sposta o toglie le opere che hanno un costo superiore ai 100mila euro. Un testo che, essendo ormai entrati negli ultimi 9 mesi di mandato del sindaco Pierluigi Peracchini e del consiglio comunale, evidenzia di fatto quali saranno gli interventi che saranno portati a termine e quelli che, invece, saranno lasciati da realizzare dal 2022 in poi.

Il primo passaggio dell’aggiornamento approvato dalla giunta comunale nella seduta di lunedì è quello dal quale prendono le mosse anche molti dei successivi. E’ infatti grazie al consistente risparmio al quale si è arrivati relativamente al progetto di riqualificazione di Piazza Cavour che potranno essere realizzate altre opere. “L’evoluzione dell’attività progettuale – si legge nel documento – ha portato a ridefinire un intervento più contenuto nell’importo, rimodulando il medesimo, già approvato per  4,1 milioni di euro con analogo intervento più limitato rispetto al precedente, ma che consente
comunque di raggiungere gli obiettivi di riqualificazione per un importo di 2,9 milioni”.
Ne deriva un gruzzolo di 1,2 milioni, dunque, al quale si aggiungono i 150mila euro che non saranno spesi nel 2021 per il recupero dei campi da tennis del centro sportivo Montagna.

Per un’attività che esce dai programmi dell’anno in corso ce ne sono tre che entrano, due in parte, l’altra nella sua interezza.
Parliamo del completamento del Parco delle clarisse e del recupero del rifugio antiaereo di Via del Torretto, per cui nel 2021 saranno spesi 70mila euro mentre nel 2022 è previsto ne siano impegnati 630mila, e dei lavori di completamento della riqualificazione dei portici di Via Veneto e le vie circostanti, che vedranno spendere 170mila euro nell’anno in corso e 330mila nel prossimo. Due interventi che cubano 1,2 milioni di euro, provenienti in grandissima parte proprio dalla riduzione della spesa per Piazza Cavour.
Saranno invece investiti entro la fine del prossimo mese di dicembre i 300mila euro che sono stati inseriti alla voce “Completamento del recupero e valorizzazione delle mura ottocentesche”.
Sono invece completamente previsti nel 2022 altri due interventi inseriti nel Piano delle opere, che saranno finanziati grazie alla rinuncia a ulteriori “livelli progettuali inerenti l’intervento di realizzazione di parcheggi a raso nell’area compresa tra Via Colombo e Via de’ Nobili” a servizio del mercato ortofrutticolo a causa “delle criticità evidenziate nell’ambito di approfondimenti geologici preliminari svolti e tali da far ritenere non economicamente fattibile il progetto”. Ne gioveranno altre zone della città visto che con il risparmio concretizzato saranno finanziate la demolizione e ricostruzione dei campi da tennis del Montagna (200mila euro) e i lavori di edilizia climatica alla scuola d’infanzia di Via Puccini, che vedrà la realizzazione di tetto e parete verdi con attuazione del sistema di drenaggio urbano (376.466 euro).

E’ stata spostata di un anno, ovvero al 2022, l’avvio dell’iter per la ristrutturazione della sede comunale di Via Curtatone, ex sede del museo civico Formentini, mentre è stato spalmato tra l’anno in corso e il prossimo l’intervento di manutenzione straordinaria di Via San Francesco. Il costo di 160mila euro totali è stato ripartito con 53mila euro che saranno spesi nel 2021 e 107mila che saranno impiegati nel 2022.

leggi anche
peracchini con l'assessore Piaggi
Quasi 800mila euro
Strade comunali, alle porte 33mila metri quadrati di asfaltature