Quantcast
"donazione augenti tradita"

“A scuola tra ruspe, calcinacci e spuntoni di ferro”

L'intervento di Giovanni Cortelezzi per il Circolo Legambiente di Lerici #lerici #legambiente

Scuole lericine

Tutti a scuola! Domani 15 settembre inizia il nuovo anno scolastico, come da calendario approvato dalla giunta regionale ligure in un clima positivo e collaborativo. Domani come tutti gli altri anche le ragazze e i ragazzi del nostro bel comune rivierasco andranno a scuola, andranno a scuola attraversando un percorso transennato tra ruspe, calcinacci e spuntoni di ferro. Entreranno in aule dove non si potranno aprire le finestre per polvere e rumore, senza più la compagnia e la salubre bellezza dei “pericolosi” pini domestici e non potranno usare il cortile trasformato in cantiere! Lo stesso vale per i bambini della scuola materna che dovranno stare chiusi nella loro classe sperando su un futuro spazio giochi, lato nord, confinante con un parcheggio e soleggiato solo nei pomeriggi d’estate, quando la scuola è chiusa! Poco più sopra, in posizione panoramica con il suo magnifico terrazzo pieno della luce e dei colori del Golfo la villa che la signora Marta Augenti, con generosità e affetto, ha donato alla Comunità lericina. Per meglio comprendere riporto uno stralcio dell’atto di donazione:… La signorina MARTA AUGENTI col presente cede e trasferisce a titolo di donazione, con tutte le garanzie di legge, al Comune di Lerici, il compendio immobiliare descritto in premessa … La presente donazione viene fatta sotto l’osservanza dei seguenti patti e condizioni: il Comune di Lerici dovrà adibire il compendio immobiliare donato a scuola materna o a scuola elementare (per le prime classi); il fabbricato non potrà essere demolito e non potrà assolutamente essere adibito ad altri usi (come pure il giardino). Potranno essere eseguiti solamente lavori di ampliamento, sia internamente che esternamente, per rendere il fabbricato più idoneo all’uso per cui viene donato … L’atto è pubblico ed è consultabile.
Con delibera di giunta nr. 136 del 10/06/2021, dopo mesi di cantiere e tante centinaia di migliaia di euro pubblici spesi (i lavori di ristrutturazione della scuola per l’infanzia erano iniziati nell’ottobre del 2020) viene “improvvisamente” cambiata la destinazione d’uso tradendo l’esplicita volontà e il desiderio espresso nel lascito “ … Cambio di destinazione d’uso da “Scuola dell’infanzia Marta Augenti” a “Edificio ad uso uffici comunali” così recita la delibera togliendo pure, con inconsapevole cinismo, anche la titolazione.

Da qualche tempo, su questo “tradimento” sta crescendo una forte indignazione e contrarietà tra i cittadini, indignazione che ci viene raccontata e che ci viene chiesto di rappresentare come associazione nel nostro ruolo di sussidiarietà alla politica locale. Ci si chiede qual è la ragione vera di tutta questa spesa per togliere la scuola materna da villa Augenti e impropriamente destinarla ad alcuni uffici comunali, rimanendo sostanzialmente inutilizzata in tutta la sua importante parte esterna: il giardino e l’enorme terrazzo con pergolato dove giocavano i bambini. Per quel che riguarda l’interno non abbiamo ancora potuto vedere cosa è stato fatto, perché, nonostante il trasloco avvenuto a fine agosto gli uffici sono attualmente ancora chiusi probabilmente per qualche “errore” o sottovalutazione progettuale: un pubblico servizio che non sta funzionando come dovrebbe! L’ampio locale al piano terra, progettato come mensa, illuminato con grossi finestroni che si affacciano sulla strada e che, come unica protezione, hanno la retina antizanzare viene adibito ad archivio comunale: scelta infelice e pericolosa per la troppa luce solare e per la facilità di accesso. La martoriata via Ferrari da qualche giorno è di nuovo sotto pressione per l’apertura dell’ennesimo cantiere stradale. Sembra che la portata della rete idrica non sia più sufficiente ai nuovi consumi di Villa Augenti e la rete debba essere adeguata (nessuna traccia di pannelli fotovoltaici o solare termico, tantomeno sistemi di recupero delle acque meteoriche, non sia mai!). Cominciano ad essere tanti gli errori! Che sia lo spirito della signorina Marta Augenti offeso e indignato a creare scompiglio?

Come circolo di Legambiente raccogliamo l’invito di molti cittadini che chiedono chiarezza e trasparenza: che questa amministrazione renda pubblici le motivazioni, i costi e i benefici attesi per la comunità lericina di tutto questo riassetto dei plessi scolastici, degli uffici comunali STL compresa, del depauperamento sistematico del patrimonio arboreo, dello sporco e dell’incuria dilagante. Che vengano individuati gli errori che stanno causando indignazione, disagio, disaffezione e perdita di reputazione (basta seguire la miriade di commenti negativi sui vari social) e impegno improprio di denaro pubblico e che vengano individuate le responsabilità!

Per il Circolo Legambiente di Lerici,

Giovanni Cortelezzi

leggi anche
L'area esterna delle scuole Poggi di Lerici
Per la cochrane ristrutturazione totale
Pini a rischio crollo, alla Poggi arrivano gli olivi
Lerici, giugno 2020
Avviato l'iter di gara
Poggi, riqualificazione da 225mila euro per gli spazi esterni
Scuola Poggi, foto trasmessa dalle rappresentanti
Scuola poggi
“La scuola è un cantiere, i genitori sono preoccupati”
L'ingresso dell'Ufficio Urbanistica di Lerici, nuova sede alla ex scuola Augenti
Stl insediata in via gerini
Slitta la riapertura dell’Urbanistica, area esterna Poggi pronta entro ottobre