Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Philip platek presente

Spezia-Udinese al Picco, si va verso il via libera

Ottimismo dopo il sopralluogo odierno delle autorità locali e della Lega di serie A. Entro martedì saranno curati gli ultimi dettagli, propedeutici alla concessione dell'agibilità. Un settore da oltre tremila posti costruito in soli due mesi.

La curva Piscina ormai è pronta

C’è un sostanziale ottimismo, che la prossima settimana potrebbe tramutarsi in sospiro di sollievo dopo due mesi di apnea. Ad oggi, e dopo oltre due ore di sopralluogo, non sono state sollevate, da parte delle autorità competenti, particolari criticità che impediscano di aprire lo stadio “Alberto Picco” per Spezia-Udinese di domenica 12 settembre.
Era il massimo che si poteva ottenere a questo punto. Entro martedì prossimo, la Commissione provinciale di vigilanza e la Lega calcio di serie A prenderà una decisione definitiva sulla possibilità di aprire l’impianto spezzino per la terza giornata di campionato, la prima utile. Il clima collaborativo e il costante contatto tra tutti gli attori in gioco ha permesso di arrivare ad un passo da un traguardo che a inizio luglio sembrava impensabile.

Emissari di Prefettura e Questura per valutare gli aspetti legati all’ordine pubblico, in particolare personale della Digos, i Vigili del Fuoco per considerare le prescrizioni antincendio, e poi personale del Coni, dell’Azienda sanitaria 5, tecnici della sicurezza per la parte acustica e impiantistica. Con loro Carlo Longhi, ispettore infrastrutture per conto della Lega di serie A.
Accompagnati dal progettista, l’architetto Gino Zavanella, e dal direttore dei lavori Bruno Agates con personale della ditta costruttrice. E soprattutto, per quanto riguarda lo Spezia Calcio, dal presidente Philip Platek in persona più una buona fetta della dirigenza, compreso il responsabile strutture Riccardo Lazzini.
Una camminata iniziata a metà pomeriggio, che si è soffermata su molti dettagli. Il gruppo si è mosso tra gli spalti, la parte sottostante, la zona degli impianti e le aree esterne. Fondamentalmente la parte strutturale della nuova Curva Piscina è terminata, mancano alcuni dettagli che saranno valutati durante un ulteriore sopralluogo. Quello decisivo.