Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Un altro furbetto...

Va in vacanza col pass invalidi della defunta madre e si becca una denuncia

Dagli accertamenti il documento era stato riprodotto cinque anni prima, in quanto sia l’originale che la riproduzione venivano abitualmente utilizzati da tutti i membri della famiglia.

Pass invalidi contraffatto

Quella Bmw parcheggiata all’interno della zona interdetta alla circolazione di via Fazio e al cui interno era esposto un pass invalidi, non covinceva. Agli occhi degli agenti della Polizia locale emergevano infatti dubbi sull’autenticità dello stesso, in quanto l’ologramma anticontraffazione sembrava non riprodurre correttamente la luce cangiante e rifrangente. A seguito degli accertamenti emergeva come il pass, in scadenza nel 2024, fosse la copia scannerizzata e plastificata a colori di un documento effettivamente rilasciato dal Comune della Spezia, a favore però di una donna deceduta ad aprile scorso.

Mentre gli agenti erano ancora intenti ad effettuare gli accertamenti di competenza, giungeva sul posto l’utilizzatore dell’auto, risultato essere un uomo quarantottenne residente a Como, figlio della donna scomparsa, alla Spezia in vacanza. Dalle successive immediate indagini si accertava che il pass era stato riprodotto cinque anni prima, in quanto sia l’originale che la riproduzione venivano abitualmente utilizzati da tutti i membri della famiglia. Si aveva quindi conferma del falso materiale dell’atto ed il soggetto veniva accompagnato presso il Comando per procedere alla redazione degli atti di rito, con il conseguente immediato sequestro del pass falsificato ed il deferimento all’Autorità
Giudiziaria per il reato di falso, oltre che la sanzione amministrativa per aver violato lazona a traffico limitato del centro urbano.

L’intensa attività di contrasto agli abusi nei confronti dei diritti che sono garantiti alle categorie protette, portata avanti nei mesi scorsi con incisività dagli agenti del Comando, ha fatto in modo di ridurre sensibilmente gli episodi in città, tuttavia come questo caso emblematico evidenzia, la guardia resta alta per combattere un fenomeno odioso.

Più informazioni
leggi anche
Parcheggio invalidi
Ci provano in tanti
Residenti in altra regione, quando venivano a Spezia si passavano il tagliando invalidi della madre per non pagare il parcheggio
Giardini pubblici
Art attack
In sosta con la fotocopia del pass del suocero e con un “collage” di grattini